Scopriamo chi vince la terza sfida dei sedicesimi di finale di “Vorrei cantarti fra cent’anni”  tra Subsonica e Mahmood

Vorrei cantarti fra cent’anni, il contest sanremese di OA Plus per decretare la “canzone più bella” della storia del Festival della Canzone Italiana di Sanremo continua e si fa sempre più appassionante. Dopo la prima fase di eliminazioni, siamo giunti ai sedicesimi di finale in cui continueranno a sfidarsi tutti i brani sanremesi ancora in gara.

Dopo la seconda sfida, che ha visto protagoniste Lisa e la coppia Casale-Di Michele, siamo giunti al terzo duello musicale con la band torinese dei Subsonica e il cantante italo-egiziano, rivelazione di Sanremo 2019, Mahmood.

SFIDANTE | SUBSONICA

I subsonica sono riusciti a sconfiggere, nella prima fase del nostro contest, i Negramaro convincendo sia la  La redazione di Oa Plus che la nostra giuria speciale con Tutti i mie sbagli.

Con la voce moderna e la presenza scenica del font-man Samuel, i Subsonica partecipano per la prima volta a Sanremo nel 2000 con quello che ad oggi rimane ancora un brano iconico, nonché la loro più grande hit: “Tutti i miei sbagli”. Scritto da Max Casacci, Samuel e Davide Dileo, la canzone si piazzò in undicesima posizione; in un’edizione che ha visto la vittoria degli Avion Travel con “Sentimento” e sul podio Irene Grandi (La tua ragazza sempre) e Gianni Morandi (Innamorato).

Se al Festival della Canzone Italiana la band electro-pop non è riuscita a conquistare un posto fra i primi dieci, diversa è la situazione che riguarda il loro piazzamento nelle classifiche di vendita post Sanremo. Tutti i miei sbagli, infatti, quell’anno è riuscita a raggiungere l’ottava posizione nella classifica nazionale dei singoli più venduti. A distanza di quasi venti anni dalla partecipazione sanremese, i Subsonica hanno voluto omaggiare il brano e l’album in cui era contenuto, Microchip temporale, riproponendolo in duetto con il cantautore Motta, in una versione tutta rinnovata.

SFIDATO | MAHMOOD

A dover affrontare nella fase dei sedicesimi i Subsonica, tocca al campione in carica del Festival di Sanremo con il suo brano record Soldi. Oggi Mahmood è sicuramente uno dei grani protagonisti della musica italiana, ed uno dei cantanti nazionali più seguiti e apprezzati all’Estero.

Se oggi il cantante italo-egiziano ha macinati risultati da record con Soldi, lo deve senza dubbio alla sua determinazione e al suo lampante talento, ma anche, e forse soprattutto, al Festival di Sanremo dove è tornato lo scorso anno dopo avervi già preso parte qualche edizione prima, nel 2016, con un brano dal titolo “Dimentica”.

Se la prima volta fra i “Nuove Proposte” si classificò al quarto posto, la seconda volta sbaraglia tutta la concorrenza, vincendo Sanremo Giovani e accedendo, come da regolamento di quell’edizione, nella gara con i Big, risultando poi il trionfatore assoluto e lasciando dietro di sé uno scontentissimo Ultimo, oltre ai tre tenori pop de Il Volo.

Il brano, scritto da Mahmood stesso con Dario Faini (Dardust) e Charlie Charles, partecipa di diritto anche all’Eurovision Song Contest, in rappresentanza della nostra Nazione, dove si classifica al secondo posto. Il brano è stato certificato disco d’oro subito dopo la fine del Festival e dopo circa due settimana anche disco di platino. Detiene, inoltre, alcuni primati, come l’aver accumulato oltre un milione e mezzo di riproduzioni su Spotify nell’arco di 24 ore; diventando il quarantesimo brano più ascoltato del giorno sul servizio di streaming a livello globale e sancendo, così, il record per un artista italiano.

ESITO | SFIDA 3

Nonostante la carica, la modernità e i risultati record macinati da Mahmood con Soldi, a vincere questa terza sfida dei sedicesimi di finale di “Vorrei cantarti fra cent’anni” è Tutti i miei sbagli. I subsonica, dunque, accedono agli ottavi, mentre il vincitore di Sanremo 2019 ci lascia.

COMMENTI | GIURIA

Mattia Ottavio Sammarco: Eh… E adesso? Due canzoni moderne e soprattutto audaci. Senza nulla togliere ai Subsonica (che tra l’altro apprezzo particolarmente) voto “Soldi”, perché a dispetto della polemica che Mahmood si è trascinato per diverse settimane dopo il festival è una canzone forte quanto orecchiabile. Sfida dura!!

Andrea Direnzo: Subsonica, anche se Mahmood non mi dispiace affatto. Non ho altro da aggiungere.

Alberto Barina: Subsonica… musicalmente più accattivante rispetto a “Soldi” che non mi è mai piaciuta, poiché la ritengo una canzone tormentone da radio e nulla di più.

Timothy Cavicchini: “Tutti i miei sbagli”. Un orgoglio tutto italiano.

VOTI | GIURIA

Tutti i miei sbagli: 31 (Michele Monina, Andrea Direnzo, Daniela Pedali, Maurizio Meli, Timothy Cavicchini, Antonella Arancio, Alberto Barina, Roberta Faccani, Patrizia Cirulli, Giacomo Fronzi, Frank Nemola, Giovanni Cirfiera, Franz Campi, Silvia Anglani, Eleonora Magnifico, Federico Stefani, Dario Gay, Antonio Toni, Elisabetta Guido, Cecilia Leo, Massimo Luca, Claudia Casciaro, Andrea Baldinazzo, Riccardo De Stefano, Juary Santini, Francesca Amodio, Enrico Spada, Margherita Ventura, Roberto Santangelo, Claudio Bolognesi, Fabrizio Testa)

Soldi: 10 (Eddy Anselmi, Mattia Ottavio Sammarco, Roberto Costa, Dajana D’ippolito, Veronica Ventavoli, Emily De Salve, Giuseppe Salpietro, Ugo Stomeo, Simona Bastiani, Andrea Butera).

CLICCA QUI per approfondire su tutti i GIURATI SPECIALI del contest

THE WINNER IS…

Chi vincerà le prossime sfide di “Vorrei cantarti tra cent’anni”? Continuate a seguire QUI su OA Plus per scoprirlo!!

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS


Musica Italiana, Recensioni. Tutti Fenomeni, “Merce funebre”: l’euforia composta dell’apocalisse

Musica Italiana, Recensioni. “1969”, il disco di rottura di Achille Lauro