Una canzone che non ci dimenticheremo facilmente, una perla rara del nostro repertorio già destinata a entrare nelle nostre classifiche di fine anno. Questo, e molto altro, è “Vivo” di Andrea Laszlo De Simone

VIVO | LA RECENSIONE

Canzoni così pure e così belle escono una volta ogni dieci anni. Ebbene sì, diciamolo fin da subito: “Vivo“, il nuovo singolo di Andrea Laszlo De Simone pubblicato il 15 gennaio 2021 per 42 records, è un piccolo capolavoro per intensità, per eleganza e per originalità.

Non c’è nulla di più complicato di parlare di temi già affrontati in una nuova veste, in questo caso sapientemente retromane: il brano infatti sembra essere stato immerso nel meraviglioso mare dei primi anni sessanta, ed è impreziosito da un’atmosfera cinematografica, in bianco e nero, quasi neo realista. Un approccio all’apparenza vintage, ma che è, in realtà, attualissimo.

L’incipit già è esemplificativo del tutto: “Vivo/Ma non ho scelta né un motivo/Il mondo è un tipo irrazionale/Fa come vuole/Non dà nessuna spiegazione”. Una descrizione perfetta, quasi lapidaria, del momento di stallo che stiamo vivendo“. Versi che descrivono, praticamente alla perfezione, i tempi che stiamo vivendo.

Di grande intuizione è stata anche l’idea che ha accompagnato il brano. Un vera e propria installazione artistica digitale, visitabile su www.vivo2021.tv, dove la musica diventa il sottofondo di una carrellata di webcam collegate da ogni angolo del mondo, dal più civilizzato a quello più naturale. Un esperimento di rara potenza, che mette l’accento sul significato di uno degli episodi, già possiamo svelarlo, più belli del 2021.

VOTO: 10/10

AGGETTIVO: STUPENDA

ARTISTA: ANDREA LASZLO DE SIMONE

SINGOLO: VIVO

ANNO: 2021

ETICHETTA: 42 RECORDS

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

TAG:
42 Records Andrea Laszlo De Simone anni '60 Singoli 2021 Vivo

ultimo aggiornamento: 06-02-2021


Nagual, tra esoterismo e musica: “A Glass Full of Karma” è il loro album figurativo

“La mia anarchia ama te”: il graffio vincente di Cassandra Raffaele