La capacità artistica di Pier Cortese è nota da tempo; tuttavia il cantautore, a questo giro, si è proprio superato

TU NON MI MANCHI | LA RECENSIONE

Pier Cortese, l’artista dalle mille sfaccettature. Negli ultimi venti anni è stato un protagonista silente, affiancando la sua attività di cantautore, culminata con la partecipazione al Festival Di Sanremo 2007 – un’edizione spiccatamente cantautorale, basti pensare alla vittoria di Simone Cristicchi (“Ti regalerò una rosa“), alla partecipazione di Daniele Silvestri (“La paranza“) e Nada (“Luna in piena“) oltre che alla consacrazione di Fabrizio Moro (“Pensa“) tra le nuove proposte – a quella di collaboratore per artisti di spicco come Niccolò Fabi, Marco Mengoni, Mondo Marcio e, non a caso, proprio Simone Cristicchi e Fabrizio Moro. E a distanza di quattro anni dalla sua ultima fatica discografica, “Lasciateci la fantasia“, il cantante romano ha annunciato un nuovo album, anticipato da “Tu non mi manchi“, singolo rilasciato il 19 gennaio 2021 per Fiori Rari/Artist First.

La qualità artistica del nostro non è mai stata in discussione ma, a questo, giro, Pier Cortese si è davvero superato, confezionato un brano di sospensione che, con grazia e raffinatezza, manda l’ascoltatore in una sorta di stanza vuota, man mano riempita di parole, vibrazioni e sfumature sonore, mirate a raccontare il delicato e controverso concetto di mancanza, affrontato nel momento peggiore, quello del distacco.

Il risultato è strabiliante, fortemente empatico e conferma la cifra stilistica strettamente personale del cantautore, in questo episodio davvero abile nel vestire i suoi versi con le giuste sonorità rendendo l’atmosfera statica, cupa ma, allo stesso tempo, magnetica. Da ascoltare e riascoltare.

VOTO: 9/10

AGGETTIVO: MAGNETICA

ARTISTA: PIER CORTESE

SINGOLO: TU NON MI MANCHI

ANNO: 2021

ETICHETTA: FIORI RARI

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS


Mauro Di Maggio, “Non so” (new version) è la rivincita dell’uomo fragile

Celeste, “Not your muse”: l’ibrido soul che mancava