“Nudi e perpendicolari di Timothy Cavicchini, frontman degli Ostetrika Gamberini e giudice del contest Vorrei cantarti fra cent’anni. La recensione dell’album.

NUDI E PERPENDICOLARI | LA RECENSIONE

A partire dalla partecipazione al talent show musicale The Voice of Italy con Piero Pelù come coach, passando per la produzione dell’Ep “A fuoco” da parte della Universal, l’esibizione al Coca Cola Summer Festival nel 2015, la partecipazione al Festival Show nel 2017 ed un’intensissima attività live, prima insieme agli A.n.D. e ai Mad Joker e ora con gli Ostetrika Gamberini, per arrivare quindi nel 2019 alla partecipazione al game show musicale All Together Now in veste di giudice, quello del trentaseienne mantovano Timothy Cavicchini è di certo un nome oramai noto ai più.

Grazie ad un fortunato crowdfunding e ad una solida fanbase di oltre ventimila persone, Cavicchini e gli Ostetrika Gamberini (Paolo Zambelli alle tastiere, Daniele Lucchin al basso, Massimo Bellinello alla batteria e Bruno Crepaldi alle chitarre) registrano l’album di inediti “Nudi e perpendicolari”, uscito il 15 maggio del 2018 con il rilascio dei singoli “Mondo Hotel”, “Disteso sui miei guai”, “Un giorno impossibile”, “Ti rubo gli occhi”, “Senza se”, “Kattivo”, “Maschera” e la title track “Nudi e perpendicolari”.

Undici tracce forti e potenti che hanno il pregio di regalare un rock in italiano credibile che arriva dritto al cuore e alle orecchie dell’ascoltatore grazie al particolare timbro vocale di Cavicchini, profondo e graffiante, a testi originali, che raccontano il quotidiano in maniera singolare ed autentica, e ad un sound energico e vigoroso, risultato di una commistione perfetta e ragionata tra le ballad pacate alla Nek e i suoni hard rock alla Pelù, artisti che Cavicchini piacevolmente ricorda.

Il romanticismo di brani come “All’infinito” (“Strade senza direzioni, Percorsi casuali, Voci regalate al vento, Sguardi senza più emozioni, Cuori abbandonati, Un mondo di parole vuote, Ma tu, Dimmi che mi ami ancora, Dimmi che hai il cuore in gola, Dimmi che il nostro cielo va all’infinito, Dimmi che il mondo è fuori, Dimmi non siamo soli, Dimmi che questo amore va all’infinito”, canta nel brano, ode all’amore come esperienza totalizzante), ben si sposa con la potenza del rock di pezzi vibranti come “Mondo Hotel” e “Kattivo”, nel risultato di un lavoro eterogeneo, ben confezionato ed egregiamente suonato, godibile e trascinante. Un lavoro maturo e consapevole, assolutamente consigliato.

Voto: 8/10

Aggettivo: Trascinante

TRACKLIST

  1. Ti rubo gli occhi
  2. Maschera
  3. All’infinito
  4. Senza se
  5. Nudi e perpendicolari
  6. Disteso sui miei guai
  7. Kattivo
  8. Mondo Hotel
  9. Ti troverò
  10. Un giorno impossibile
  11.  Fidati di me

ALBUM: NUDI E PERPENDICOLARI
ARTISTA: TIMOTHY CAVICCHINI
ANNO: 2018
ETICHETTA: AUTOPRODUZIONE

SANREMO HISTORY. “Vorrei ricordarti fra cent’anni”: la sfida delle edizioni. Il 1970 supera il primo turno degli ottavi contro il 1964. Oggi 1969 contro 1961

Sanremo History. Vorrei cantarti fra cent’anni: Lisa vince ancora e accede agli ottavi, Rossana Casale e Grazia Di Michele fuori. Ecco le sfide di domani