“Musica leggerissima” di Colapesce e Dimartino è il tormentone di Sanremo 2021 che ci accompagnerà fino all’estate, con più ombre che luci

MUSICA LEGGERISSIMA | LA RECENSIONE

Come nasce un classico? E come nasce un tormentone? E qual è la differenza tra i due?

Il sottile confine tra la grande canzone che entra nell’immaginario collettivo e il brano martellante che ci accompagna fino allo sfinimento sembra essere conquistato da Colapesce e Dimartino, veri vincitori morali del Festival di Sanremo 2021.

La loro “Musica leggerissima” – data già per possibile vincitrice addirittura prima dell’inizio del Festival – non solo si è piazzata in un rispettosissimo quarto posto, ma ha saturato praticamente l’airplay radiofonico nelle settimane seguenti, diventando un meme in forma di musica, con conseguente video tutorial su come ballare correttamente la canzone opera di Ground’s Orange, già autori del videoclip ufficiale.

“Musica leggerissima” ha insomma lanciato nella stratosfera pop il duo Colapescedimartino, già autori di un incredibile album in collaborazione nel 2020, dal titolo “I Mortali”, etichetta Numero 1.

“I mortali” – che ha di recente visto un repack in deluxe edition con disco extra – è stato una delle migliori sorprese discografiche in un 2020 tristemente famoso per altri motivi. Il talento compositivo dei due autori, forgiatosi in anni di esperienze, dischi solisti e canzoni scritte per altri interpreti, esplode nelle tracce di un album che ad oggi è già un piccolo cult.

E poi, Sanremo e la loro “Musica leggerissima”. Va detto che, a fronte delle aspettative molto elevate nei confronti del duo, il brano ha, almeno in parte, deluso le aspettative. “Musica leggerissima” un po’ furbescamente utilizza l’escamotage della disco music per far ballare il pubblico nazionalpopolare sanremese, avvicinandosi con grandi rischi alle sonorità di Julio Iglesias, più che di un Battiato, e risultando il brano meno interessante prodotto dal duo negli ultimi anni.

“Musica leggerissima”, quindi. Un brano fedele al proprio titolo, leggero nel risultato finale, ma non banale: una sorta di racconto in controluce del disagio emotivo del momento attuale, di questo mal di vivere che attraversa le persone in ogni dove, costrette a fare i conti con la morte e la pandemia, o a volerla comunque “orgogliosamente” ignorare.

Questa “voglia di niente” che si traduce in musica leggerissima, che passa e dice “parole senza mistero”, sembra sia cura che malattia della situazione attuale, come un inevitabile incidente di percorso in cui incappiamo, rallentando e guardandone le vittime da dentro il nostro abitacolo.

Chissà se è una celebrazione della leggerezza del pop o una frustrata rassegnazione all’impossibilità di opporsi alla decadenza, di sicuro “Musica leggerissima” ci ha fatto compagnia in questi mesi di primavera, da marzo fino ad aprile, il più crudele del mesi, che genera lillà da terra morta.

La colonna sonora dell’impalpabilità della nuova vita quotidiana post Covid-19.

VOTO: 7/10

AGGETTIVO: LEGGERISSIMO

ARTISTA: COLAPESCEDIMARTINO

SINGOLO: MUSICA LEGGERISSIMA

ANNO: 2021

ETICHETTA: NUMERO 1

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS


Massimo Pericolo, “Solo tutto”: storie di spregevole realtà

Piuma: Alessandra Amoroso rincorre i giovanissimi?