Replicare quanto fatto con quel capolavoro datato 1998 è impossibile. Ma siamo sicuri che anche a Mina e Celentano non serva un minimo di “svecchiamento”?

 NIENTE È ANDATO PERSO| LA RECENSIONE

Se la musica italiana potesse incarnarsi in un album, quello sarebbe senza ombra di dubbio il capolavoro di Mina e Adriano Celentano, rilasciato il 14 maggio 1998 e certificato Disco di Diamant con la bellezza di più di un milione e duecento mila copie vendute. La classica produzione perfetta per inventiva, sound, arrangiamenti, armonizzazioni, bilanciamento, melodia. Tutto.

Un successo talmente tanto dirompente che poteva concludersi proprio lì. L’esperimento successivo arrivato nel 2016, infatti, non ha avuto la stessa sortita. “Le migliori” non a caso, pur ricevendo sette platini (oggi assimilabili a poco di più di trecentocinquanta mila copie), è finito con molta celerità nel dimenticatoio, con nessun vero singolo sopravvissuto al marasma della cosiddetta musica liquida. E il motivo è forse identificabile in un fattore, quello di una certa a-temporalità presente anche nel nuovo singolo del magico duo, “Niente è andato perso“, pubblicato il 26 novembre 2021 e contenuto in “MinaCelentano – The Complete Recordings“, raccolta ideata per celebrare i 25 anni dal primo successo della fortunata collaborazione.

Anche in questa occasione infatti un ottimo testo, scritto da Fabio Ilacqua (compositore della musica e autore di molti brani dell’ultima fatica discografica di Ornella Vanoni), viene a messo a servizio di un’architettura eccessivamente di vecchio stampo, di quelle già invecchiate male che proiettano l’ascoltatore in una collocazione tanto indefinita da sembrare quasi scialba.

Nessuno pensa che la Tigre di Cremona e il molleggiato, entrambi sopra gli 80, debbano distendere le loro corde vocali in beat a cassa dritta, ma uno svecchiamento (citofonare Bertè e Vanoni), magari calibratissimo e garbato, potrebbe avvicinare la loro arte e la loro maestosità (presente comunque anche in questo passaggio) anche a un pubblico più giovane che, con dei pezzi così confezionati, non può fare altro che allontanarsi. E il Re e la Regina della musica italiana non possono permetterlo.

VOTO: 6/10

AGGETTIVO: ATEMPORALE

ARTISTA: MINA E CELENTANO

SINGOLO: NIENTE È ANDATO PERSO

ANNO: 2021

ETICHETTA: CLAN-PDU

Clicca qui per mettere “Mi piace” a HIT NON HIT – Blog & Press

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

 


Unica: Ornella Vanoni è l’ultima vera Diva

Luna piena: Orietta Berti Renaissance