Mille, vincitrice dell’ultimo 1Mnext 2022, convince tanto anche con il nuovissimo singolo, dove unisce la sua timbrica riconoscibilissima a un asset musicale retromane e irresistibile.

SÌ, SIGNORINA|LA RECENSIONE

Malinconia ed effetto nostalgia utilizzate a regola d’arte. Questa la formula più che vincente di Elisa Pucci in arte Mille, artista che ha presentato in occasione del Concertone del Primo Maggio 2022 (in quanto vincitrice dell’ambito contest 1MNext), “Sì, signorina” (Ada Music Italy), il nuovo singolo.

La cantautrice, già famosa al grande pubblico per il suo progetto parallelo con il gruppo Moseek (semifinalisti a X Factor 2015), colpisce confezionando un brano d’altri tempi che schiaccia l’occhio all’Italia degli anni sessanta, trasportandolo nella modernità grazie a una timbrica di grande personalità e a un inciso tuto da ballare, costruito nel miglior modo possibile destinato ad entrare in modo martellante nella testa degli ascoltatori.

Impattante anche il testo, dove emerge un tema non sempre trattato benissimo, ovvero l’esigenza di mettersi a nudo, di mostrarsi per come si è veramente, ben riassunto in uno dei versi più belli: “Ti presto un coltello per questo imbarazzo/E mi tolgo il vestito di dosso/Sì, ma tu cosa ne sai di me?”.

Un‘operazione dunque riuscita benissimo, grazie a una bella produzione – a cui hanno partecipato oltre la stessa Mille anche unbertoprimo e Alessandro Di Sciullo – e in linea generale una grande idea, quella di pescare in determinate atmosfere per raccontare l’amore in modo onirico, viscerale, fantasioso. Consigliatissimo.

VOTO:  7

AGGETTIVO:  INTERESSANTE

ARTISTA: MILLE

SINGOLO: SÌ, SIGNORINA

ANNO: 2022

ETICHETTA: ADA MUSIC ITALY

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da PrimoMaggioRoma (@primomaggioroma)

Clicca qui per mettere “Mi piace” a HIT NON HIT – Blog & Press

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS


Scendi: Sissi è troppo brava per essere ridotta a un cartoon

Cassandra Raffaele, Giovanna: un’altra evoluzione