CLARA TESLA | LA RECENSIONE

Fuori nel dicembre del 2019 per l’etichetta bresciana Oyez!, “Clara Tesla” è il debutto discografico del trio pugliese Inude, alias Flavio Paglialunga, Francesco Bove e Giacomo Greco. 

Nove tracce in inglese vanno a comporre questo bell’album anticipato dal singolo “Balloon”, un mix di soft elettronica che fonde lo stoner rock dei Verdena e la moderna psichedelia dei Bon Iver, nel risultato di un sound seducente, accattivante, non convenzionale e già incredibilmente maturo per essere un esordio. Paglialunga (voce, percussioni, synth), Greco (voce, chitarra, synth) e Bove (dubmaster) sanno decisamente quel che fanno e lo fanno squisitamente bene, nonostante la giovane età.

Pur prendendo spunto da una tradizione elettronica conclamata, gli Inude rielaborano con maestria questo melting pot fusion dando vita a brani visionari, nei quali il surrealismo e il magnetismo del suono ben si sposano con la tangibilità e la concretezza della canzone nel senso meno lato. Il risultato è decisamente credibile e convincente: “Clara Tesla” è un viaggio ipnotico fra le sonorità pop/vintage di questa band anti convenzionale e anti modaiola, che cattura, rapisce e trasporta nell’intimità di un mondo parallelo e peculiare, lontano dalle sterili tendenze indie-rock e dalla litanie pop del momento; un album di debutto sorprendentemente interessante ed ispirato, scevro di orpelli e sovrastrutture, pulito e senza fronzoli, un lavoro nu soul impegnato e ricercato che vede in “Ivy” e “Marble dreams” le sue punte di diamante migliori. Un ascolto attuale imprescindibile, che rende inevitabilmente curiosi riguardo ad un confronto venturo con l’italiano.

VOTO: 8/10

AGGETTIVO: AFFASCINANTE

TRACKLIST:

  1. Sleep
  2. By the ocean
  3. Ivy
  4. Shadow of a gun
  5. Marble dreams
  6. Balloon
  7. So easy
  8. May be
  9. Interlude

https://open.spotify.com/album/2D6uWOLyvt8bOKcVfoMbxm

ALBUM: CLARA TESLA

ARTISTA: INUDE

ANNO: 2019

ETICHETTA: OYEZ!

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS


FSK, “Trapshit revenge”: il capolavoro che nessuno si aspettava splendidamente riedito

Mei, Rubrica. FRAMMENTI DI UN DISCORSO MUSICALE. Chiuso per Coronavirus: appello del mondo della musica al ministro Franceschini