Torneremo a divertirci, veramente. Il Pagante ci riporta indietro nel tempo con un brano estivo che parla del Covid-19 senza parlare del Covid-19.

OPEN BAR| LA RECENSIONE

Dare tutto per scontato. L’errore più grande. E proprio durante la pandemia ce ne siamo accorti in modo evidente, al di là di ogni possibile retorica. La privazione delle libertà individuali, le restrizioni, hanno cambiato e stanno continuando a cambiare le nostre vite, più monotone e vincolate di prima. A questo proposito appare decisamente stimolante quanto proposto per l’estate 2021 da Il Pagante. Il collettivo milanese non a caso ha rilasciato il 9 giugno 2021 “Open bar“, il nuovo singolo.

L’aspetto più interessante di tutto il brano, un divertente episodio da ombrellone ben scritto e prodotto, non sta tanto nella bellezza artistica in se, ma nell’operazione in toto, non incentrata sull’effetto-nostalgia forzata. Non esiste infatti alcun riferimento alla pandemia, o a tutto quello che abbiamo vissuto negli ultimi mesi. Il tutto è infatti concepito come se nulla fosse accaduto, cosa che rievoca in modo definito la vita prima del Covid-19, invitando l’ascoltatore a cogliere l’attimo, e a non rimandare mai i momenti di sfogo sano e  ricreativo.

A dare un significativo contributo un bel beat spinto, che si lascia poi andare in drop ben congeniato e fresco che rievoca il vero senso della festa, libera, trasgressiva, senza preoccupazioni o problemi. Sembra la preistoria, ma torneremo a divertirci (e a ubriacarci, nel giusto).

VOTO:  7

AGGETTIVO:  FRIZZANTE

ARTISTA: IL PAGANTE

SINGOLO: OPEN BAR

ETICHETTA: IL PAGANTE/BELIEVE

Clicca qui per mettere “Mi piace” a HIT NON HIT – Blog & Press

Clicca qui per seguire UGO STOMEO su TWITTER

Clicca qui per seguire UGO STOMEO su INSTAGRAM

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

TAG:
estate 2021 Il Pagante Open Bar Tormentoni 2021 Tormentoni estivi

ultimo aggiornamento: 30-08-2021


Shade, In un’ora: il corteggiamento domestico funziona

Deddy, La prima estate: semplicità e melodia