FORTUNA | LA RECENSIONE

Il dialetto napoletano è musica; è così da secoli, e non servono certamente esempi per dimostrarne l’assoluta bellezza. Eppure, la maestosità del folclore partenopeo negli ultimi due anni sta vivendo una nuova fase grazie a una cerchia di artisti che, con rispetto e rigore, sta reinterpretando la tradizione proiettandola in chiave urban, grazie a un movimento molto florido nato dal funky elettronico di Nu Guinea e dall’esperimento misterioso di Liberato, allargatosi prepotentemente sia nel mondo dell’hip-hop, basta osservare i recentissimi successi di Speranza e Geolier, che in quello prevalentemente elettro pop, dove a catturare sempre più l’attenzione è stata La Niña, musicista che ha rilasciato il 16 ottobre un nuovo singolo, “Fortuna“, il primo con una Major, la Sony Music.

Dimenticatevi le pulsioni di bassi e i beat morbosi già collaudati in episodi come “Croce” e “Niente cchiù“, o le atmosfere filo arabeggianti  di “Salomè“; per il quarto singolo l’artista ha infatti deciso di lavorare di sottrazione, proponendo un pezzo nudo, voce e chitarra (rigorosamente classica), per parlare di mare e immigrazione.

Ma Carola Moccia, che i più attenti si ricorderanno nel progetto Yombe, stupisce ogni volta. E mette in scena una storia vera: l’esperienza di una donna che, durante una disperata traversata in mare, perde amici e famiglia, ma non la creatura che ha in grembo, chiamata metaforicamente “Fortuna” dall’artista. Ecco quindi spiegata la sincerità, la drammaticità, l’esigenza di costruire un pezzo senza sovrastrutture e orpelli.

Ad arricchire l’atmosfera fortemente espressiva le corde della chitarra e quella degli archi, accompagnati da un ostinato di violoncello, che trovano la quadra perfetta nel secondo inciso, quando seguono la trama melodica del cantato, così intenso, così espressivo, così meravigliosamente vero. Eccezionale.

VOTO: 10/10

AGGETTIVO: VISCERALE

TESTO

A chiammano terra ‘e nisciuno
Pure si’ sta chien’ ‘e ggente
Va fujenno chi tene furtuna
Lassanno tutte cose pe’ niente
‘Nfonno ‘o specchio se vere ‘o futuro
T’è vestuto e dimane staje annuro
Alluccamme e nun ce sente nisciuno
Si arrivamme po’ ‘a chiammamme Fortuna
Fortuna, Fortuna, Fortuna
Viene te porto ‘o ssicuro
Comm’è doce ‘stu sapore ‘e sale
N’atu surso mica fa male?
Guarda a ‘lloro simme tale e quale
È nu specchio ca’ se chiamma Mare
Fortuna, Fortuna, Fortuna
Fortuna, Fortuna, Fortuna
Nun ce sta puorto sicuro
‘A chiammano terra ‘e nisciuno

ARTISTA: LA NIÑA

SINGOLO: FORTUNA

ANNO: 2020

ETICHETTA:  SONY MUSIC

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS


X Factor 14: Santi passa il turno, il pubblico si scatena su Twitter: “Roccuzzo meritava il suo posto”

AmaSanremo: Merlot e Wrongonyou promossi per Sanremo Giovani, ma il pubblico cambia canale. LE PAGELLE della prima puntata