Il singolo estivo di Emma Muscat è un concentrato di tutto ciò che abbiamo già ascoltato fino a questo momento. La misura è colma.

MEGLIO DI SERA| LA RECENSIONE

Aiuto. Sarà che siamo alle porte di agosto, sarà che siamo preoccupati dalla variante delta e asfissiati dalla faida tra greenpassisti e novaxisti, sarà che non ne possiamo già più di tormentoni estivi, ma davvero si fa fatica a cogliere qualcosa di positivo in “Meglio di sera, la proposta da ombrellone della sempre presente Emma Muscat, pubblicata il 25 giugno 2021 per Warner Music Italy con la partecipazione di Alvaro De Luna e Astol.

Siamo in territorio Latin Pop. E fin qui nulla di male. Adesso però proviamo a chiudere gli occhi e immaginiamoci le melodie e le strutture latine che custodiamo nel nostro scompartimento della memoria: saranno certamente diverse ma, state certi, ricorderanno sicuramente in qualche modo l’episodio in questione.

Meglio di sera” non è altro che un frullatore di tutto ciò che abbiamo sentito, motivo per cui per certi versi funziona anche, sfoggiando però un concentrato di banalità sconcertante. L’apporto dei due ospiti è inoltre pressoché nullo, in quanto il pezzo risulterebbe identico anche in una potenziale esecuzione in solitaria.

La verità è una: siamo stanchi. La misura è colma, e questa formula-tormentone usurata sta risentendo terribilmente il tempo che passa, cedendo il passo a brani certamente non avanguardistici ma ornati da più di una trovata intelligente. Riusciranno i nostri eroi a evolversi? Lo scopriremo nel 2022.

VOTO: 5-/10

AGGETTIVO:  OVVIA

ARTISTA: EMMA MUSCAT FEAT ALVARO DE LUNA E ASTOL

SINGOLO: MEGLIO DI SERA

ANNO: 2021

ETICHETTA: WARNER MUSIC ITALY

Clicca qui per mettere “Mi piace” a HIT NON HIT – Blog & Press

Clicca qui per seguire UGO STOMEO su TWITTER

Clicca qui per seguire UGO STOMEO su INSTAGRAM

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS


Gaia: Boca funziona ma occhio all’effetto flat

Sangria: l’inno al femminile di Anna Tatangelo e Beba