Sembra essere il solito Liberato, ma il prodotto in toto, parte visuale compresa, lascia dedurre dei cambiamenti all’orizzonte. O forse no.

E TE VENG’ A PIGLIÀ | LA RECENSIONE

Quattro anni di Liberato. Era il 2017 quando questo strano artista si è presentato dal nulla sulle scene catalizzando a 360 gradi l’attenzione mediatica per tre fattori fondamentali: la sua musica, deliziosi brani cantati in un dialetto napoletano non particolarmente difficile da comprendere, l’estetica dei suoi video, tutti diretti da Francesco Lettieri, e l’aura di mistero che avvolgeva la sua persona, la cui identità è ancora oggi sconosciuta.

Dopo tutto questo tempo è incredibile constatare come, ad oggi, della vera identità di Liberato non importi più niente a nessuno. Sembrano lontanissimi i momenti in cui si pubblicavano arzigogolate trame investigative tra teorie del complotto e finti scoop, da quando si diceva che sì, Liberato è sicuro Calcutta, anzi è Livio Cori, ma forse anche Emanuele Cerullo. A 1460 giorni di distanza questa curiosità morbosa è scemata. E potrebbe essere un bene.

Perché, del resto, è più importanet il ruolo chee ha ricoperto questo Mr X nella musica italiana, al quale va dato comunque atto di aver rispolverato la passione per la musica popolare riproponendola in formule melodiche semplicissime ma maledettamente ipnotiche e supportate da produzioni di primo piano, sempre diverse tra loro. Anche oggi, dopo un anno di silenzio, il Nostro si è distinto con un nuovo brano, “E te veng’a piglià”, pubblicato non a caso il 9 maggio (titolo del suo primissimo pezzo).

La genialità del nuovo episodio del cantante (in teoria) Made In Naples sta infatti nella scelta del ritmo utilizzato. Incredibilmente Liberato è riuscito a dare coolness anche allo stile della bachata, qui strutturato e destrutturato allo stesso tempo, spogliandolo da quella patina prettamente tamarra con cui viene utilizzato soprattutto in estate, mantendolo invece prettamente intatto il suo approccio alla canzone, anche a questo giro affrontato senza sorprese.

Ma non si può parlare del fenomeno Liberato senza fare riferimento anche al video, dove viene evidenziata una novità importante: alla cabina di regia non troviamo infatti il collaboratore storico, quel già citato Lettieri che ha contribuito a rendere mitica l‘iconografia dell’artista, bensì il giovane Enea Colombi, talento noto per le sue collaborazioni con Mecna ed Elodie. Un prodotto audiovisivo di grande potenza e intensità con un finale amarissimo. Il vero punto di svolta è proprio questo, un cambio repentino di atmosfere e una nuova mano dietro la macchina da presa. Cosa sta tramando Liberato? Forse tutto, probabilmente niente.

VOTO: 8/10

AGGETTIVO: MISTERIOSO

ARTISTA: LIBERATO

SINGOLO: E TE VENG’ A PIGLIÀ

ANNO: 2021

ETICHETTA: LIBERATO

Clicca qui per mettere “Mi piace” a HIT NON HIT – Blog & Press

Clicca qui per seguire UGO STOMEO su TWITTER

Clicca qui per seguire UGO STOMEO su INSTAGRAM

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS


Spada con Waiting indica la strada a Chiara Galiazzo

Piazza Garibaldi: la malinconia sospesa di Tropico e Franco126