Un brano fresco e stimolante, quello di Samuel e Francesca Michielin, che riesce a fare ballare non appoggiandosi sui tipici cliché estivi.

CINEMA| LA RECENSIONE

Una scommessa vinta. E no, non era né facile né tantomeno scontato. Sta andando meritatamente fortissimo “Cinema, il singolo di Samuel e Francesca Michielin pubblicato il 14 maggio 2021 per Sony Music Italy. Un pezzo in cui funziona tutto, e non soltanto da un punto di vista squisitamente musicale ma per caratteristiche più generali.

Innanzitutto, tutto il brano si appoggia su un immaginario specifico, quello cinematografico, utile non solo a creare quell’effetto nostalgia dopo il periodo, terrificante, di chiusura, ma anche a fini meramente promozionali. Il video della canzone non a caso è stato presentato in anteprima proprio nelle sale affiliate al circuito The Space. All’interno del testo sono ben radicate inoltre diverse citazioni di gran gusto, dal Maestro dell’erotismo Tinto Brass a quello della Nouvelle Vague François Truffaut passando per due pellicole diventate culto come “Jackie Brown” di Quentin Tarantino e “Tenenbaum” di Wes Anderson.

Di grande intuizione anche la tempistica con cui è uscito il singolo, praticamente in contemporanea con l’allentamento delle restrizioni, con lexploit della campagna vaccinale e quindi con la voglia, gigantesca, di normalità. Ma come tutte le opere più riuscite, l’empatia con l’ascoltatore riesce a crearsi anche senza riferimenti diretti e scontati alla vicenda che, senza dubbio, avrebbero reso il tutto maledettamente stucchevole e poco originale.

E poi c’è la vera arma vincente: perché se come detto poc’anzi, nel testo non si coglie alcun legame superficiale con la pandemia, anche sul versante musicale non c’è neanche un minimo accenno alle sonorità sfacciatamente estive. “Cinema” riesce infatti a essere freschissimo rimanendo fedele alla cifra stilistica di Samuel, impreziosito da una Francesca Michielin che, cambiando totalmente il suo modo di cantare, sta salendo vertiginosamente di colpi trasformando in oro tutto ciò che tocca. L’inciso, semplice, brevissimo e cantabile, sfocia in un drop tutto da ballare, lontano dalle chitarrine, dai ritmi bachata, e dagli altri stereotipi del caso. Tormentone sì, ma senza gli ingredienti tipici del tormentone. Alleluia.

VOTO: 9/10

AGGETTIVO:  STIMOLANTE

ARTISTA: SAMUEL FEAT FRANCESCA MICHIELIN

SINGOLO: CINEMA

ANNO: 2021

ETICHETTA: EPIC/SONY

Clicca qui per mettere “Mi piace” a HIT NON HIT – Blog & Press

Clicca qui per seguire UGO STOMEO su TWITTER

Clicca qui per seguire UGO STOMEO su INSTAGRAM

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS


“Movimento lento” di Annalisa e Federico Rossi è l’ennesima hit dell’estate di cui non sentivamo il bisogno

Noemi e Carl Brave, Makumba: una gradita sorpresa