Chiara Galiazzo inaugura il suo percorso con il nuovo team di lavoro con l’ennesima cover di “Un’estate fa”, nulla di nuovo sotto il sole. Ma la strada sembra quella giusta

UN’ESTATE FA| LA RECENSIONE

Ci sono operazioni, nel casino del mercato discografico italiano odierno, che appaiono incomprensibili, almeno all’esterno. Tra queste spicca la scelta intrapresa negli scorsi mesi dalla brava Chiara Galiazzo, la quale ha deciso di proporre per la stagione estiva una cover; non una cover qualunque, bensì una cover che è stata coverizzata diverse volte, trovando il successo a più riprese con artisti diversi: si tratta di “Un’estate fa“, singolo pubblicato il 27 maggio 2022 per Artist First.

Ebbene sì. Conosciamo benissimo la storia del capolavoro scritto nel 1972 da Pierre Delanoe e Michel Fugain, divenuto famosissimo in Italia grazie alla versione di Franco Califano, poi riproposta da Mina e, in tempi relativamente più recenti, da quel gioiellino trip-hop targato Delta V. Una canzone meravigliosa ma, allo stesso tempo, oramai usurata: nella testa dell’ascoltatore infatti esistono fin troppe interpretazioni, tante da non scaturire alcun tipo di curiosità la notizia di una nuova – ennesima – rilettura, a prescindere da chi la sta cantando.

Il ragionamento compiuto da Galiazzo e il suo nuovo team (Baobab Music) era anche corretto. Poche voci, effettivamente, possono essere in grado di rappresentare quell’amara malinconia che il pezzo di musica in questione riesce a scaturire: tuttavia la cover, caratterizzata su un tappeto dance elettronico in crescendo, non riesce a incidere quando dovrebbe, perdendosi su qualche ovvietà seppur celando una buona intuizione come ad esempio il vocalizzo nell’hook ritornello sciorinato in una variazione efficace e comunque originale.

A prescindere da tutto, pur non brillando certamente per originalità, “Un’estate fa” segna in prospettiva un percorso che potrebbe rivelarsi interessante, composto proprio da quella componente un po’ oscura e nostalgica che Galiazzo possiede da sempre (vi ricordate che meraviglia la cover de “L’amore è tutto qui” di Piero Ciampi?), vero marchio distintivo della cantante, magari impreziosita da una produzione di matrice electro un minimo più ricercata (come fatto l’anno scorso con Spada). C’è da essere fiduciosi.

VOTO: 5

AGGETTIVO: INEFFICACE

ARTISTA: CHIARA GALIAZZO
SINGOLO: UN’ESTATE FA
ANNO: 2022
ETICHETTA: BAOBAB MUSIC/ARTIST FIRST
AUTORI: FRANCO CALIFANO, MICHEL PAUL FUGAIN, PIERRE DELANOE

LEGGI Tormentoni Italiani dell’Estate 2022, Diario e Playlist in aggiornamento

Clicca qui per mettere “Mi piace” a HIT NON HIT – Blog & Press

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS


Malika Ayane, Una ragazza e la collaborazione con Greg Willen

Finimondo: paura e delirio con Myss Keta