Una raccolta di grande importanza quella di Alice, utile per farci comprendere a pieno la straordinaria eredità lasciata dal Maestro Franco Battiato.

ALICE CANTA BATTIATO | LA RECENSIONE

Capire Battiato“, cantavano i Bluvertigo nel 2001 nel suggestivo elenco psichedelico de “L’assenzio“. Due parole sole ma di estrema verità. Comprendere fino in fondo la complessissima poetica del cantautore siciliano, purtroppo scomparso lo scorso 18 maggio, è dono di pochissimi eletti: tra questi non si può non citare per esempio Alice, una delle muse ispiratrici del Maestro con cui ha collaborato svariate volte, compreso nell’ultimissimo periodo con il fortunatissimo tour andato in scena nel 2016.

Un sodalizio, quello tra i due cantanti, cominciato nel 1980, esploso con la gloriosa “Per Elisa“, brano con cui l’artista ha trionfato a Sanremo 1981, e splendidamente riassunto in una raccolta datata 1997, “Alice canta Battiato“, pubblicata per l’etichetta discografica EMI.

Sedici tracce, tra tanti episodi noti e alcune chicche meno conosciute che mettono in risalto non tanto le caratteristiche artistiche della cantante, oramai di patrimonio comune, ma la capacità non scontata di saper interpretare nel migliore nei modi le parole preziose del siciliano, senza mai stravolgere il significato primigenio.

Tanti, se non tantissimi, i passaggi degni di nota: dalla conturbante apertura di “Chan-son Egocentrique” alle più espressive e volutamente accentuate “Summer on a solitary beach” e “Gli uccelli” fino ad arrivare a delle sfumature che oggi chiameremmo dream pop cucite in “Una notte speciale“.

Malgrado un ascolto di praticamente sessanta minuti, forse leggermente appesantito da numerosi pezzi tutti di grande intensità e spessore e da alcuni arrangiamenti solo in alcuni casi leggermente datati, “Alice canta Battiato” si conferma un documento di straordinario interesse e importanza, una testimonianza tangibile di una meravigliosa eredità che non si deve, in nessun modo, disperdere. Una raccolta importante.

VOTO: 9/10

AGGETTIVO: IMPORTANTE

TRACKLIST:

1. Chan-son Egocentrique (Edit)
2. Summer on a Solitary Beach
3. Prospettiva Nevski
4. Gli uccelli
5. I treni di Tozeur
6. Mal d’Africa
7. Un’altra vita
8. Il vento caldo dell’estate
9. Per Elisa
10. Il re del mondo
11. Segnali di vita
12. Una notte speciale
13. Le aquile
14. Guerriglia urbana
15. Luna indiana
16. Momenti d’ozio

ARTISTA: ALICE

ALBUM: ALICE CANTA BATTIATO

ANNO: 1997

ETICHETTA: EMI

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS


Milva: “Non conosco nessun Patrizio”, provate a non piangere

Måneskin, Teatro D’Ira Vol. 1: si può solo migliorare ancora