Oggi, 31 gennaio, ricordiamo il celeberrimo compositore austriaco Franz Schubert, esponente della musica romantica ottocentesca.

Franz Peter Schubert nasce a Vienna nel 1797,  figlio di un maestro di scuola elementare e di una cuoca. Dodicesimo di quattordici figli, Franz riceve le sue prime lezioni di musica dal padre e dal fratello maggiore Ignaz. A 7 anni viene affidato al maestro del coro di Liechtental Michael Holzer e successivamente entra come corista nella Cappella Reale e frequenta l’Imperiale Convitto Civico, dove studia canto, violino e pianoforte.

Inizia a comporre alcune fantasie, quartetti d’archi e per la fine degli studi al Convitto Schubert compone la sua prima sinfonia (ne comporrà altre 10), ma la sua fama si deve alle composizioni per pianoforte (Impromptus, Six moments musicaux, La Fantasia in fa minore per pianoforte a quattro mani) e soprattutto ai Lieder (come Erlkönig, Die Schöne Müllerin, Winterreise, Alla musica) che segneranno la storia della musica, insieme a capolavori come la Sinfonia n. 8 detta Incompiuta e alla celeberrima “Ave Maria” (Ellens dritter Gesang).

Diventa maestro di scuola, seguendo le orme del padre, poi maestro di musica, ma è grazie agli aiuti economici di amici, intellettuali, estimatori, società di musica, che riesce a vivere delle proprie composizioni.

PLAYLIST | SCHUBERT 224

Nella playlist SCHUBERT 224 alcuni movimenti delle opere già citate, tra cui le composizioni per pianoforte, i quartetto d’archi, i Lieder e le grandi sinfonie. La playlist si apre con la “Polonaise” eseguita dal violinista Gidon Kremer e si chiude con l'”Ave Maria” cantata da Luciano Pavarotti. Buon ascolto!

Clicca qui per mettere “Mi piace” al BLOG HIT NON HIT

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

 


Sanremo 2021 s’ha da fare: Amadeus apre a un Sanremo senza pubblico e posticipato

In mostra a Venezia e in virtual tour gli animali di vetro di Pierre Rosenberg