Dopo “Lei” ecco un altro brano che farà parte dell’album presto in pubblicazione per il cantautore romano

L’indie di Scrima si fa…in due. Nell’ultimo singolo uscito, “Come quella sera”, il cantautore romano ha infatti scelto di collaborare con Mameli, in un brano dove si parla di un amore fatto di eccessi, “che vive durante la notte e muore al mattino lasciandolo solo la malinconia dei ricordi”, spiega lo stesso Scrima.

“Come quella sera” arriva dopo “Lei”, altro singolo che, messo assieme al featuring con Mameli, farà parte del nuovo album di Scrima che appare ormai vicino alla pubblicazione.

Come quella sera è prodotto da Alessandro Forte, l’atmosfera è quella notturna, intima, con ritmo e ritornello che rimangono.

“Ho scritto questa canzone una sera di fine agosto, su un muretto, senza chitarra, solo con i miei pensieri. In quel momento il sounddace anni ’80 era in sottofondo mentre buttavo giù parole a caso. Era il sound che ha accompagnato tutta la mia infanzia”.

Altra, invece, la genesi della collaborazione con Memeli, sfociata poi anche in un’amicizia. “Un pomeriggio di ottobre mi incontrai in studio a Roma con lui, che rimase particolarmente colpito proprio da questa canzone scrivendo per me una strofa che non poteva suonare più giusta e adatta a ciò che volevo descrivere nel brano, così il brano è diventato un feat bellissimo ed è nata un’amicizia”.

Prima di questo progetto ormai in pieno cantiere, Scrima ha ottenuto il suo picco della carriera con “Sofia”, brano che ha fatto registrare 800 mila ascolti su Spotify. Per Mameli invece, catanese di nascita ma ormai trapiantato a Milano, l’ultimo singolo pubblicato è “Serata banale”. Scrima e Mameli dividono un’amicizia, ora un brano ma anche e soprattutto la stessa ‘scuderia’, la Hokuto Empire.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS


Sanremo History. Vorrei cantarti fra cent’anni: i Pooh vincono la sfida contro i New Trolls e Umberto Bindi

Sanremo History. Vorrei cantarti fra cent’anni: Giorgia con “Di sole e d’azzurro” vince su “La voce del silenzio” di Dionne Warwick