Continua, in questo surreale 2020, il nostro viaggio nel mondo della musica non mainstream ed in questa TalentOne week parade alziamo decisamente il tiro!
Siete pronti?

Pia Tuccitto – Stupida per te

Essere rock non significa per forza essere distruttivi.
All’ombra delle 2 torri Pia Tuccitto ci regala un pezzo di impatto emotivo esagerato (“Stupida per te”) e lo fa semplicemente con la sua voce, un pianoforte ed un tappeto d’archi. Fuoriclasse assoluta!

La Ciotta – Il concetto

Voce importante e potente, capacità interpretativa notevole e tanta voglia di fare bella musica.
La Ciotta, al secolo Alessia Ciotta, si presenta così e ci regala “Il concetto”. 3 minuti davvero di grande intensità!

Lambrusco Brothers – Mai ali per noi

Ironia, belle idee e voglia di leggerezza.
Tutto questo è racchiuso nel progetto Lambrusco Brothers dove 4 figuri giocano con doppi sensi e scherzano con le parole senza però tralasciare un arrangiamento certamente mai banale!

La Luna – Tuo amante

Parlare di bullismo non è sempre semplice e se poi ci si avventura anche nel discorso della libertà sessuale ecco che, nonostante il 2020, non si può che definire coraggioso questo progetto!
“Tuo amante” è anche un video dove La Luna si avvale della presenza di Vladimir Luxuria per dare ancora più forza a questo messaggio!

Marcello Pieri – In punta di piedi

La storia di Marco Pantani è sicuramente un qualcosa che è ammantato anche da un po’ di mistero, ma ciò che emerge per questo che è stato un atleta immenso è sicuramente la fragilità che un altrettanto strepitoso Marcello Pieri, songwriter di razza, ci racconta in questa canzone semplicemente emozionante!

Avete visto? Ricordate sempre che la bella musica esiste ancora e che se sapete cercalra è anche di una bellezza cristallina!
Alla prossima settimana!

Clicca qui per mettere “Mi piace” al BLOG TALENTONE

Clicca qui per mettere “Mi piace” al BLOG HIT NON HIT

Segui OA PLUS su INSTAGRAM

Metti “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS


Scuola, ecco cosa cambia con il nuovo Dpcm

Rubrica. DENTRO LA CUCINA DI STEFANO VEGLIANI. Chef Gianfranco Pascucci: “Molti dei miei piatti nascono passeggiando per sentieri e oasi naturali”