Ecco JazZONE week parade con 5 proposte tratte da 5 album jazz usciti negli ultimi mesi che meritano attenzione. Un’occasione imperdibile per scoprire nuovi artisti e nuove produzioni dal tocco raffinato.

Questa settimana il fascino retrò di Barbara Pravi, la bravura di NaElia con il mitico Fabrizio Bosso, il trio Rossana CasaleGrazia Di MicheleMariella Nava, la suggestioni sonore di Nithin Sawhney con Natacha Atlas e Samy Bishai, l’eleganza formale di Harry Connick Jr..

Barbara Pravi – Prière au printemps (Le prières)

Barbara Pravi, la rappresentante della Francia al prossimo Eurovision Song Contest, ha pubblicato un incantevole EP dedicato alla natura, dal titolo “Le prières“. Tra le preghiere cantante con trasporto ed emozione c’è “Prière au printemps” una sorta di spiritual francofono che chiude in bellezza un album raro e prezioso.

NaElia, Fabrizio Bosso – Se ci guarirà il tempo

E’ tornata la talentosa cantautrice siciliana NaElia che, con il supporto della sempre affidabile tromba di Fabrizio Bosso, ci propone “Se ci guarirà il tempo“, un brano dedicato e ispirato alle difficoltà della pandemia.

Rossana Casale, Grazia Di Michele, Mariella Nava – Anime di vetro

Il super-trio al femminile formato dalle cantautrici Rossana Casale, Grazia Di Michele e Mariella Nava, dopo l’esordio con “Segnali Universali“, pubblica il secondo brano “Anime di vetro“, caratterizzato da quella dimensione intimista, essenziale e vagamente jazz che da sempre contraddistingue le tre artiste. Il brano, uscito l’8 marzo, è un modo anche per celebrare la Giornata Internazionale dei Diritti della Donna.

Nithin Sawhney, Natacha Atlas, Samy Bishai – Exile (Immigrants)

Immigrants” è l’undicesimo album in studio di Nithin Sawhney, arriva dopo sei anni dal suo ultimo, “Dystopian Dream“, e ne costituisce una sorta di seguito. Tra le suggestive composizioni ci sono alcune canzoni in cui Sawhney collabora con artisti che si identificano come immigrati, come nella sontuosa “Exile” impreziosita dalla straordinaria vocalità di Natacha Atlas e dal violino dell’egiziano Samy Bishai.

Harry Connick Jr. – Alone with my faith (Alone with my faith)

Harry Connick Jr. in questo momento così difficile dedica un’intero album al tema della fede: “Alone with my faith” è il brano che da il titolo all’album, in cui il pianista e cantante mostra tutta la voglia di unire al suo tradizionale approccio jazz anche la spiritualità e la profondità del gospel.

Artisti che, pur nella loro diversità, decidono di affrontare tematiche attualissime con grazia e talento. Buon ascolto!

Clicca qui per mettere “Mi piace” al BLOG HIT NON HIT

Segui OA PLUS su INSTAGRAM

Metti “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS


LA FABBRICA DEI SOGNI di Chiara Sani. Il set di HOUSE OF GUCCI (Ridley Scott) si è spostato a Roma

Franco Battiato: l’alieno innovativo compie 76 anni