Prima il ritiro del Premio Tenco, e ora per Gianna Nannini può scattare il countdown che separa dall’uscita del nuovo album, “La differenza”. 

Un periodo magico per la rocker senese, uno dei tanti. Sabato scorso la cantante ha ritirato a Sanremo il Premio Tenco 2019, concludendo la serata con un’esibizione da pelle d’oca della sua “Meravigliosa creatura”.

Adesso, invece, parte davvero il conto alla rovescia per il nuovo album della Nannini, che sarà disponibile a partire dal prossimo 15 novembre e che la cantante aveva annunciato su Instagram ad inizio agosto, raccontando la genesi del progetto, ovvero il lavoro svolto in sala d’incisione in Tennesse, negli stessi studi che hanno visto passare geni della musica come Bob Dylan, Elvis Presley e Paul McCartney.

https://www.instagram.com/p/B0x4O__hpnP/?utm_source=ig_embed

A quell’annuncio ne era seguito un altro a stretto giro di posta, ovvero l’uscita del primo singolo che porta proprio il nome dell’album: “La differenza”. Un pezzo ‘nanniniano’, di quelli che certamente non deluderanno i fan più accaniti. Per il video del brano la Nannini ha scelto la direzione di Charlotte Audrey, e come location ha scelto la contea di Somerset,  in Inghilterra.

“La differenza” è il ventesimo album in studio di Gianna Nannini, e arriva tra l’altro in un anniversario non banale. Proprio quarant’anni fa, infatti, la rocker ‘svoltava’ la carriera pubblicando “California”, LP che conteneva in apertura quell'”America” che, chissà se casualmente o no, la Nannini ha ritrovato otto lustri dopo, forse per tornare alle sue origini o forse chissà, solo per il gusto di capire, da quell’epoca a oggi, qual è davvero “La differenza”.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS


Musica Internazionale, Nuove Uscite. Coldplay: è in arrivo un doppio album? Lo rivela una misteriosa lettera della band inviata ai fan…

OA PLUS, ITALIAN CHART (week 3 / 2019). Romina Falconi e Mahmood portano in classifica il nuovo pop di qualità, ma a svettare è l’eterno Franco Battiato