Il primo live di X Factor 13, si apre subito con una novità dell’ultim’ora. Saranno tre le manche con 4 cantanti ciascuna, e il ballottaggio sarà a tre.

Ci sarà poi anche un “quotatissimo giudice”, anticipa Cattelan, che potrà salvare il preferito dei tre in ballottaggio, e sarà il super ospite Mika.

A partire è la cantante di origine marocchina Maryam (squadra di Sfera) che porta sul palco “Juice” di Lizzo, in un’esecuzione che, col senno di poi, arriverà al pubblico in studio e ai giudici, meno però a chi seguiva il primo live davanti al televisore.

Dopo di lei tocca invece ai Seaword. Il primo gruppo in gara è convincente, si districa bene tra le note di un non semplicissimo brano dei King of Leon, “Pyro”. Dopo di loro Eugenio Campagna che porta a XFactor Aiello e il suo “Arsenico”, con l’effetto pioggia a riempire la scenografia. In chiusura di manche, poi, arriva Davide Rossi con un ‘classico’ certamente poco ‘comodo’: “How long has this been going on” di Gershwin. 

Nell’ordine, i primi a passare il turno al momento della votazione sono (prevedibilmente) i Seaword, poi Eugenio Campagna. Davide come da pronostico supera l’ostacolo e così Myriam finisce al purgatorio dell’ultima sfida.

Ad aprire la seconda manche è invece Nicola Cavallaro (squadra di Mara Maionchi) che porta “This is America” di Gambino, e strappa applausi così come, dopo di lui, Lorenzo Rinaldi che negli under uomini propone “Don’t look back in anger” degli Oasis, “Don’t look back in anger” degli Oasis, in versione molto intima.

Dopo di lui ‘spaccano’ i Booda che si assicurano il pass per la prossima puntata con un’energica versione di un brano di Azealia Banks (“212”), sbancando. A chiudere prima delle seconde votazioni Giordana Petralia che porta un brano di Jocelyn Flores,  “XXXTentation”. 

Parola al pubblico, che dopo l’ospitata di Coez premia Booda, Cavallaro e Lorenzo Rinaldi, mandando al ballottaggio finale Giordana Petralia e la sua arpa.

Si salva, a ragione, Saltari, che vola alla prossima puntata in compagnia di Sofia e dei Sierra. Al ballottaggio, dunque, va Enrico Di Lauro.  La terza e ultima manche apre con Sofia “from Sanremo Young”, non impeccabile con “L’ultimo bacio” di Carmen Consoli. A seguire arriva Enrico Di Lauro con l’ingombrante, forse troppo, “Love will tear us a part “, il singolo più conosciuto di Joy Division. Penultimi in gara per questa terza manche, i Sierra che si cimentano su Dark Horse. Mentre a chiudere c’è Marco Saltari a cui Mara Maionchi ha affidato un ‘pezzone’ di Sixto Díaz Rodríguez, “Sugar man”.

Si salva, a ragione, Saltari, che vola alla prossima puntata in compagnia di Sofia e dei Sierra. Al ballottaggio, dunque, va Enrico Di Lauro. 

E’ poi il momento dell’ultima sfida, con Mika che va a sedersi tra i giudici e che avrà l’opportunità di salvare dei tre in sfida quello che preferisce.

La scelta di Maryam per la squadra di Sfera ricade su Mahmood e la sua “Gioventù bruciata”, mentre Giordana Petralia punta su “Strange world” di Ké, sempre con l’inseparabile arpa per accompagnarsi. Tocca, infine, ad Enrico Di Lauro che scomoda Bob Dylan e la sua “Make you feel my love”, ma non la maltratta, anzi ne fa una versione molto intima.

Protagonista a questo punto diventa appunto Mika, che prima si ‘accapiglia’ con Sfera su Giordana considerata “speciale” ma “troppo invecchiata” dal coach e da chi ha fatto le scelte musicali, poi decide di salvare proprio Giordana. All’ultimo duello finiscono dunque Di Lauro e Maryam. Sfera ovviamente elimina Enrico e Malika Maryam. Samuel salva Enrico e dunque a decidere tutto è Mara Maionchi, che però fa pari e patta eliminando Enrico. Via ai codici e si decide da casa, con il pubblico che emette la sua sentenza. A proseguire la sua avventura è Enrico, a salutare per prima XFactor 13 è invece Maryam.

Foto Sky

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS


Rai2, Pechino Express 8. Ecco le 10 coppie in gara!

Musica, X Factor 13. Le pagelle della prima puntata: promossi a pieni voti Nicola, Eugenio e i Sierra