Lucio Dalla e la sua discografia completa saranno in edicola dal 3 dicembre. Si tratta di 22 dischi da collezione, dagli esordi ai successi che hanno fatto la storia della nostra musica.

Per la prima volta verranno rilasciati su vinile alcuni storici dischi (anche in formato doppio album) della sua discografia – come “Canzoni”, “Lucio”, “Il contrario di me”, “Ciao” ed “Angoli nel cielo” – con altri introvabili che torneranno ora disponibili.

Ogni uscita della collezione, curata da Paolo Maiorino, responsabile del catalogo Sony Music, verrà arricchita da un fascicolo corredato di immagini rare, racconti inediti e interviste ad amici e artisti con cui Dalla ha collaborato durante il suo percorso artistico: da Carlo Conti a Renzo Arbore, da Fiorella Mannoia a Ron Pupi Avati, dal produttore Alessandro Colombini al chitarrista Ricky Portera.

La prima uscita della collana sarà dedicata al capolavoro “Come è profondo il mare” (1977), il primo album in cui l’artista si dedicò alla stesura dei testi.

Mi sento particolarmente legato alla canzone “Come è profondo Il Mare” – ha confessato l’amico Ron -, perché lo trovo un pezzo geniale e non avrei mai pensato che dalla testa di Lucio potesse scaturire un testo così e poi c’era una perfetta simbiosi con la musica. Quel brano è ricco di inquietudine e paura per ciò che ci avrebbe riservato il presente ed il futuro, ma Lucio era bravissimo a mascherare tutto e riuscire persino a rassicurare (…). Era talmente elettrizzato all’idea di cominciare a scriversi da solo i testi, che quando poi di fatto iniziò si rese conto di essere peraltro molto bravo a farlo. In quel periodo era davvero felice. Lucio scriveva di continuo, di giorno o di notte, si divertiva come un pazzo.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS


Musica Italiana, Nuove Uscite. Fulminacci, “Le ruote, i motori!” e un dicembre passato in tour

OA PLUS, Classifiche. ITALIAN CHART (Week 8 / 2019): Cesare Cremonini e Tiziano Ferro si contendono il 1° posto. Sofia Tornambene eclissa Francesca Michielin e Chiara Galiazzo