230mila euro per musicisti e per un fondo a sostegno die lavoratori di musica e spettacolo: il gesto ocncreto di elisa toffoli
Crediti foto: Instagram - Profilo Ufficiale Elisa Toffoli

230 mila euro per musicisti e crew: il gesto concreto di Elisa per aiutare i lavoratori della musica e dello spettacolo

Nei mesi di settembre e ottobre, Elisa si è esibita con otto concerti dal vivo in giro per l’Italia, due dei quelli nella città di Ferrara, quasi tutti sold out.

Circa sette giorni fa, la cantante di “Luce” ha annunciato che, insieme al suo manager e all’agenzia live con cui collabora (la Friends and Partners), hanno rinunciato a percepire i guadagni derivati da tutte le date del suo ultimo tour per retribuire la sua band e tutto il team come se avessero lavorato ad un tournée più lunga. Un gesto reale, concreto, nei confronti dei lavoratori del music business e dello spettacolo in un periodo che, come ben sappiamo, a causa dell’emergenza sanitaria che stiamo affrontando, li vede tra i più penalizzati; viste le restrizioni che governano gli eventi dal vivo.

I biglietti venduti, come riporta IQ (rivista inglese dell’International Live Music Conference specializzata nel live music business), sono stati 11.565, per un guadagno al netto dei costi di produzione di 230.000 euro. La Toffoli, così, ha distribuito il guadagno tra la sua band e un fondo in sostegno di altri lavoratori del mondo musicale: 190.000 euro ai suoi storici compagni di palco e 40.000 euro al fondo.

LEGGI ANCHE: Fedez, “Creiamo un fondo” per i lavoratori dello spettacolo

“Alcuni membri del mio gruppo, tecnici e musicisti, sono con me da quando ho fondato la mia band, circa 23 anni fa – scrive Elisa su Instagram – Sono come la mia famiglia e si sarebbero trovati in grave difficoltà se non avessi preso questa decisione. Questo è il momento in cui dobbiamo fare qualcosa e non aspettare che lo faccia qualcun altro”.

Il desiderio era quello di aiutare realmente i suoi musicisti e il suo staff e l’azione intrapresa ha avuto lo scopo di pagare il doppio colleghi e collaboratori, “simulando un tour di una durata un po’ più lunga e con un guadagno quindi più cospicuo”.

Elisa ha ringraziato il suo management Stefano Settepani e Ferdinanzo Salzano di F&P per aver rinunciato insieme a lei a guadagni spettanti, affermando: “La mia ricompensa è quella di sapere di aver fatto una cosa utile e a mio parere giusta”.

View this post on Instagram

Ragazzi, il tour si è concluso e sono felice e grata a tutte le persone che lo hanno reso possibile. In primis Voi. Ringrazio la mia agenzia live F&P e Ferdinando Salzano e il mio management Stefano Settepani per aver rinunciato insieme a me a percepire un compenso economico. Tutto il ricavato è andato a musicisti e crew, che sono stati pagati il doppio, simulando un tour di una durata un pó più lunga e con un guadagno quindi più cospicuo. La mia ricompensa è quella di sapere di aver fatto una cosa utile e a mio parere giusta. Come ho già detto, penso che sia fondamentale lavorare tra cittadini e governo alla formazione di un database preciso e dettagliato per regolarizzare tutte le professioni e le categorie del settore dello spettacolo, nella trasparenza più totale, per poter gestire al meglio anche tutti i fondi di emergenza. Fondi che per fare davvero la differenza, a mio parere dovrebbero avere una cadenza mensile, come degli stipendi. Si dovrebbe trovare una formula per distribuirli in base alla dichiarazione dei redditi dell’anno o degli anni precedenti. La realtà è che la crisi la possiamo combattere con il realismo e la trasparenza e mettendo le risorse là dove servono e non dove non fanno alcuna differenza. Non si dovrebbe fare finta di niente. Abbiamo un problema. Ci sono molti modi per risolverlo tranne il negare che esista nella sua complessità. @friendsandpartners @ste.settepani @andreafontanadrum @luchi73 @andrea_ringo_rigonat @robymontanari @__matteobassi__ #restiamouniti #sosteniamoci #strongertogether
 📸Foto di @nomaxsnap

A post shared by ELISA TOFFOLI Official (@elisatoffoli) on

 

Il bellissimo gesto, oltre ad aver catturato l’attenzione della stampa internazionale, è stato elogiato dal Sindaco di Ferrara, dove la cantautrice di Monfalcone si è esibita con un doppio live il 20 e 22 settembre in Piazza Trento e Trieste.

“Congratulazioni alla cantante Elisa, un gesto nobile e di altissimo valore in un momento di estrema difficoltà per il settore, fortemente penalizzato da chiusure e limitazioni. Siamo fieri di aver ospitato nella nostra città una persona che ha messo in campo questa sensibilità e questa attenzione per i lavoratori”.

“Mi auguro – aggiunge Alan Fabbri – che il gesto di Elisa sia di stimolo al governo, affinché preveda adeguati sostegno e aiuti a migliaia di professionisti, fonici, elettricisti, tecnici del suono, tecnici della sicurezza, personale del backstage e, in generale, a tutti i lavoratori del ’dietro le quinte’, fortemente penalizzati dai blocchi e dalle restrizioni. Il settore dello spettacolo è fatto di tanti lavoratori silenziosi e muove un importante indotto che va tutelato”.


Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Articolo precedenteTenta di uccidere i figli per intascare l’assicurazione, condannata la mamma di Siracusa. Agghiacciante la dinamica del tentato omicidio
Articolo successivoBuon compleanno Riccardo Fogli! Una playlist per festeggiare i suoi 73 anni
Avatar
Classe 1987, scrivo di musica e spettacolo dal 2010. Ho collaborato e sono stato tra gli autori della prima ora di All Music Italia. Ho scritto anche per Velvet Music, Biopianeta, Gossip e Tv ed il blog Digital Coach.; oltre ad aver pubblicato articoli sul Corriere Del Mezzogiorno e ViviRoma Magazine. Attualmente sono redattore musicale per OA Plus con cui ho iniziato il percorso per diventare Giornalista Pubblicista. La scrittura, la musica e il cibo sono le mie più grandi passioni. Ascolto soprattutto musica italiana, ma negli ultimi tempi mi sono sempre più avvicinato anche a quella internazionale, prediligendo il pop made in Europe. Ho un passione congenita per gli artisti emergenti, gli "ex talent" e i cantanti "poco noti". Dunque, nel mio piccolo, cerco di sostenere queste categorie. Ho conseguito la Laurea Triennale in "Arte e Scienze Dello Spettacolo" con una testi sul Festival di Sanremo, e poi quella Magistrale in "Professioni dell'Editoria e del Giornalismo" con una Tesi sulla Comunicazione Musicale. Nel 2018 mi sono specializzato in Digital Marketing, in modo particolare in Content Marketing, presso la Digital Coach di Milano, superando l'esame finale e ottenendo la certificazione con un voto di 100/100. Un sogno riposto nel cassetto? Beh, poter scrivere in musica! In un passato, ormai abbastanza lontano, ho scritto qualche testo per canzone e mi piacerebbe poter ricominciare, facendo di questo un'ulteriore sfumatura della mia scrittura, del mio lavoro e del mio percorso. Non m dispiacerebbe nemmeno fare qualche nuova esperienza in radio e tv. Tv, di cui dimenticavo, sono praticamente "addicted" fin da bambino. Chiudo citando una frase tratta da una bellissima canzone di Dolcenera, che negli anni è diventata un po' la risposta a tutte le mie domande, esistenziali e non: "È tutta colpa di cose ovvie".