Forse le nuove generazoni lo hanno completamente dimenticato, ma una volta Terence Trent D’Arby era una leggenda. Polistrumentista, dotato di una voce unica, un’anima R’n’B e una genialità e versatilità compositiva unica, alla fine degli anni ’80 Terence era proiettato nell’Olimpo della Musica, accostato (non senza idiosincrasie) vicino ai nomi di Stevie Wonder e soprattutto Prince.

Con il suo album d’esordio “Introducing the Hardline According to Terence Trent D’Arby”, Terence ha segnato un’epoca, seppure non sia riuscito mai più a bissare quel successo. I dischi dopo iniziano a vendere sempre meno, fino a giungere al nuovo millennio, quando cambia nome d’arte in Sananda Maitreya e si trasferisce in Italia.

Continua qui da noi una carriera dal basso profilo, lontana dal mainstream discografico, che arriva nel 2017 a pubblicare “Prometheus & Pandora”, il suo (attualmente) ultimo album in studio.

E che album, ci sarebbe da dire! Tre dischi per oltre tre ore di musica, 53 brani che attraversano stili, umori, suoni e stili diversi. “Prometheus”, primo disco, è il più elettrico e probabilmente la parte più interessante; “Pegasus” è perlopiù strumentale e pianistico e forse anche il meno utile nell’economia del disco; “Pandora” torna alla canzone, dandoci l’altro lato, quello femminile, cristallizzato in brani più vicini alla ballata e all’ R’n’B.

Bisogna innanzitutto notare come a 55 anni Terence – pardon – Sananda ancora riesca a cantare con voce limpida e cristallina, apparentemente inattaccata dal tempo e dalla vita. Inoltre come nei 53 brani riesca a mostrare un enorme numero di idee musicali, mostrandoci una enorme capacità compositiva e una versatilità oggi unica nel panorama musicale.

Il problema – se di problema si tratta – è il suo totale disinteresse nei confronti dell’ascoltatore. “Prometheus & Pandora” è infatti pressocché impossibile da ascoltare in una sola tranche, costringendoci a abbandonarlo e a tornare avanti e indietro tra le tracce, spesso riproposte in più versioni, unite da un leggero concept album a tema proto-mitologico (piuttosto superfluo).

Quello che manca a Sananda è il filtro dell’autore, quello che dovrebbe fargli scegliere quali brani mettere, lo spirito critico del dire “questo brano è più forte di un altro”… invece Sananda li mette tutti! Ecco allora che sfuma la magia in una lunghissima lista di canzoni buone, anche molto buone, lontane dall’essere un capolavoro, o anche solo dall’essere memorabili, talvolta persino ripetute in versioni diverse, come se avesse inserito anche gli outtake dell’album già dentro l’album, tutto annacquato in un progetto megalitico senza punti di riferimento. Senza poi dover citare necessariamente le guestarrate di Luisa Corna (sì, quella Luisa Corna, qui nel ruolo di Pandora) alla voce, e del suo improbabile inglese.

Sembra che Sananda sia rimasto bloccato in una propria idea musicale (oggi fuori Zeitgeist in realtà), e seppure dimostra ancora verve e versatilità musicale, “Prometheus & Pandora” sembra più volerci dimostrare che Terence/Sananda “ce l’ha ancora”, che fare un lavoro compatto e apprezzabile nella sua interezza.

VOTO: 6/10

AGGETTIVO: ESAGERATO

TRACKLIST:

  1. Questions & Ulcers
  2. Nymphony
  3. New World Forming
  4. She’s My Baby
  5. Glad She’s Gone
  6. U Cried A River
  7. It’s Been A Long Time
  8. Limp Dick Blues
  9. Mid Life Crisis Blues
  10. Country Changes
  11. Assisted Living
  12. Passing The Torture
  13. Hiawatha
  14. She’ll Tell Me
  15. I Don’t Know How To Love (Prometheus)
  16. If Joni Calls
  17. Suicide Song
  18. Food For Trout
  19. Zebra
  20. Rhinoceros
  21. Everybody Is The Bomb
  22. I Don’t Know How To Love (Pegasus)
  23. You Won’t See Me
  24. The Marmoset
  25. Tacoma
  26. Go For The Gold
  27. Hiawatha (Pegasus)
  28. She’ll Tell Me (Pegasus)
  29. Limp Dick Blues (Pegasus)
  30. U Cried A River (Pegasus)
  31. If U Lived Here (Pegasus)
  32. You Won’t See Me – Encore
  33. It’s Been A Long Time (Pegasus)
  34. Horses For Corsica
  35. Le Capre Della Sardegna
  36. Passing The Torture (Pandora)
  37. The Birds Are Singing (Pandora)
  38. Hail Mary
  39. I Don’t Know How To Love (Pandora)
  40. It’s Been A Long Time
  41. If U Lived Here
  42. Take Good Care Of My Heart
  43. Windows
  44. Mona Lisa’s Laughing
  45. Before You Knew What Love Was
  46. Gold Strings
  47. Sacred
  48. Amoeba Strain
  49. Willow
  50. Nymphony – Reprise
  51. Amoeba
  52. Questions & Ulcers – Encore
  53. Pandora’s Box

ALBUM: PROMETHEUS & PANDORA

ARTISTA: SANANDA MAITREYA

ANNO: 2017

ETICHETTA: TREEHOUSE PUBLISHING

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

 


Musica Internazionale, Nuove Uscite. Alicia Keys riavvolge il nastro, ecco “Time Machine”, singolo che suonando al passato ammicca al presente

Musica, TV. Fabio Rovazzi come in “Kill Bill” sepolto vivo per lo spot della LG