Di Marta Scaccabarozzi

La Vinnie Jonez Band rappresenta una delle realtà più interessanti nel panorama rock romano. A dirla tutta, negli ultimi anni il nome della formazione ha iniziato a circolare un po’ in tutta Italia. Questo grazie a una proposta musicale sempre coerente seppur in costante maturazione. Proprio oggi la band pubblica il nuovo singolo “Montecristo”. Ne abbiamo parlato con il cantante Gianluca.

 

Ciao ragazzi e benvenuti sul sito del MEI. Oggi esce il vostro nuovo singolo

“Montecristo”. Come vi sentite?

 

Gianluca: “Bene, davvero bene, è stato un anno duro per tutti e potersi permettere nonostante tutto di pubblicare materiale nuovo è un traguardo che non va affatto sottovalutato”

 

Vi confessiamo che la canzone ci ha travolti dal primo ascolto. Non capita più così’ di frequente di ascoltare un rock tanto potente e in italiano. Come è nato il brano?

 

G.: “Grazie, il pezzo è uno di quei brani nati di getto, in quattro e quattro otto, che è in fondo è un po’ il modus che circonda tutti i brani del nuovo album. Prendo spesso ispirazione da quello che leggo e l’estate scorsa leggevo Dumas, il concetto era quello di concentrare in un brano rabbia, amore, vendetta e redenzione. Speriamo di aver colto nel segno.”

 

Sappiamo che nella canzone affrontate il dilemma (eterno) tra il restare e il fuggire. In questo mondo di continui lockdown e zone rosse sembra che la scelta di restare sia obbligatoria. O forse no. Come la vedete voi?

 

G.: “Nella sfera prettamente fisica ora purtroppo è ammesso soltanto il restare, ma il fuggire, anche se meramente figurativo, si può ottenere in tanti modi, la musica ne è la prova. In questo brutto periodo la musica è stata il collante tra tante persone dell’ambiente e non, noi quattro nonostante il fatto che in un anno abbiamo potuto fare sì e no dieci prove siamo rimasti uniti proprio grazie a questo disco che comunque nella storia della nostra band avrà sempre un’importanza speciale. Sia la scrittura, che la registrazione e la pubblicazione hanno subito dei processi diversi dal comune, è questo ha avuto il suo riflesso sia in Montecristo che in tutti gli altri brani dell’album.”

 

“Montecristo” anticipa la pubblicazione di un nuovo disco. Cosa potete dirci in merito?

 

G.: “E’ un album che prosegue il percorso dei precedenti tre lavori, un’evoluzione che cerchiamo ogni giorno. Ci sono i punti cardine del nostro suono, ma ci sono anche molte sorprese che danno al tutto un sapore sempre diverso. E’ un disco a cui abbiamo potuto dedicare più tempo del normale e a cui, ripeto, saremo, volenti o nolenti, legati a vita. ”

 

 

5 – Facciamo un salto indietro nel tempo. Quanto è cambiata la Vinnie Jonez Band dal primo disco?

 

G.: “Come dicevo siamo sempre alla ricerca di evoluzione, il giorno in cui io e Andrea decidemmo di creare la Vinnie Jonez Band partimmo da un paradigma <<Non poniamoci limiti>> e per noi che venivamo dal metal, un genere giustamente pieno di canoni da rispettare, non è stato affatto facile; ricordo ancora le facce al primo testo in italiano…ahahaaha. Questo per dire che il cambiamento è e deve essere il motore della nostra band, quando non avvertiremo più la necessità di cambiare avremo finito il nostro percorso. ”

 

Ed ora viaggiamo nel futuro. Su quale palco, appena sarà possibile, vorresti suonare dal vivo “Montecristo”?

 

G.: “Un palco non rialzato, senza transenne e con la gente a due

 

 

LEGGI QUI L’ARTICOLO ORIGINALE SUL SITO DEL MEI.

 

Segui OA Plus su Instagram

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

Crediti foto: Mei

TAG:
#NEWMUSICTHURSDAY di Marta Scaccabarozzi MEI

ultimo aggiornamento: 28-01-2021


Bomba sul Festival di Sanremo. Amadeus e Fiorello pronti a lasciare la kermesse dopo il veto di Franceschini sulla presenza dei figuranti in sala

Mietta: il ritorno al cinema con “Generazione Neet – La Banda della Marana”