di Arianna Caracciolo

Harry Pane è un cantautore folk/blues che vive a East London e proveniente da Brackley, Northamptonshire. Con una voce soul ed emotiva Harry Pane crea canzoni potenti e incisive, combinando la sua tavola da stomp a un riff di chitarra, ottenendo risultati ritmici sorprendenti. La sua tavola da stomp è sempre stata una parte forte delle sue performance dal vivo, un forte impulso alle sue canzoni, realizzate intorno a storie in grado di toccare il cuore.

Cresciuto in una vecchia casa colonica del Northamptonshire con suo padre, Harry visita ampiamente il Regno Unito iniziando come artista di strada, per le strade del centro di Londra, dove affina il suo stile di chitarra e di scrittura, per poi raggiungere spettacoli sold-out a St Pancras Old Church, ed esibirsi nei famosi  Metropolis Studios  come parte delle sessioni Metro Acoustic, un solido circuito che sostiene i talenti emergenti.

I suoi concerti dal vivo mostrano non solo la sua capacità di eseguire una grande copertina – prendendo una traccia originale e interpretandola efficacemente – ma è soprattutto il suo materiale autoprodotto ad essere notevole. Il suo secondo EP “Cold Light Of Day” è influenzato da artisti come Jamie N Commons, The Bones of JR Jones. Il suo primo EP, “Real Souls”, è stato sostenuto dalla BBC Introducing London e Amazing Radio e ha rapidamente ottenuto l’approvazione del pubblico online. I suoi successivi EP sono stati prodotti tramite il supporto della piattaforma Pledge Music.

“Ho sperimentato un incredibile supporto attraverso la piattaforma di crowdfunding Pledge music che mi ha permesso di trovare nuovi fan e darmi più fiducia in me stesso – racconta l’artista Harry Pane – ed è per questo che ho registrato il mio EP attraverso il crowdfunding. Ho lavorato ai miei ultimi due EP con un incredibile produttore, Dani Castelar  che ha prodotto artisti come Paolo Nutini,  REM  e Snow Patrol. È stata un’esperienza incredibile e ora ho guadagnato un grande amico!”

La musica dovrebbe portarti in un viaggio, e questo ragazzo riesce a farlo attraverso ogni sua interpretazione.

Come è iniziato il tuo viaggio come artista?

 “Ho iniziato ad esibirmi aprendo le serate al microfono con mio padre ,all’età di 14 anni. Poi ho iniziato a prenderla un po’più seriamente e mio padre mi insegnò come suonare diversi stili di chitarra e poi sono andato al college per studiare pratica musicale. È stata davvero un’esperienza fantastica per me e credo che il viaggio sia iniziato da lì.”

Ci sono un milione e un musicisti là fuori, cosa fai per cercare di distinguerti dagli altri?

“Penso che sia importante avere la tua identità, originalità e seguire il tuo cuore.  Ho molte influenze, ma sto imparando ad essere fiducioso in quello che sto facendo, che è stata una sfida in passato. Ho anche avuto un ottimo consiglio, qualche anno fa quando ho chiesto a qualcuno del settore come progredire.  Mi hanno detto di continuare a suonare dal vivo il più possibile, quindi è esattamente quello che ho fatto, sento che mi ha dato l’esperienza e lo sviluppo di cui avevo bisogno e sto ancora lavorando su questo.”

In cosa si differenziano i tuoi primi EP rispetto al precedente Ashes & Wine?

“Ashes & Wine è stato il mio primo tentativo su alcuni lavori originali. Si tratta di una registrazione camera da letto che è stata fatto un bel po ‘di tempo fa e sento di aver naturalmente progredito e di essere migliorato da allora.  Dal secondo EP in poi, dimostro infatti più prove del mio suono attuale, con un forte impulso che mi ha spinto a migliorare.”

Mamma” di Ashes & Wine è una grande traccia, qual è la storia dietro questo brano?

“Ho viaggiato all’età di 19 anni in Italia e Australia.  Mi esibivo nei bar e suonavo in giro per il paese e cominciavo a diventare creativo.  Questa canzone mette semplicemente in discussione ciò che sta succedendo nel mondo e il fatto che si vive e si impara nel corso del tempo.”

Qual è stata la prima canzone che hai imparato a suonare alla chitarra?

“Beh, è stato mio padre a insegnarmi qualche accordo per cominciare. Sono abbastanza sicuro che fosse House of the Rising Sun di The Animals o forse Don’t Fear The Reaper di Blue Oyster Cult. Sono sempre stato fortemente ispirato da John Martyn, Damien Rice, Bob Dylan e Xavier Rude. Ho anche bisogno di ribadire che sono stato cresciuto in una vecchia casa colonica in mezzo al nulla. Mio padre aveva amici intorno che venivano per fare jamming in salotto con chitarre, percussioni ecc. Questo succedeva in giovane età, quindi credo che anche mio padre sia una grande ispirazione!”

Sei stato in tour costantemente e ti sei esibito in alcuni luoghi iconici di Londra, qual è il tuo luogo preferito per suonare e dove ti piacerebbe suonare?

“Mi è piaciuto molto suonare in alcuni locali di Londra in passato, come al The Troubadour, è sempre un piacere suonare. Il Bedford a Balham è un classico, non può mancare. Il Brooklyn Bowl ha rappresentato per me una grande esperienza e, naturalmente, il 100 Club! Mi piace anche suonare in un gioiello nascosto in Camden chiamato Spiritual Bar. Ho sempre visto un incredibile standard di musicalità in là!”

Qual è secondo te il miglior album/disco mai pubblicato?

Solid Air – John Martyn”

Ci sono molte buone band e musicisti là fuori, per favore, vuoi nominarne uno?

“Una band chiamata Burnz è incredibile! Anche un artista solista di nome Daniel Greenwood.”

Se potessi duettare con un artista di fama mondiale, chi sarebbe e perché?

“Probabilmente Jack White. Penso che sia un talento incredibile e potrebbe insegnarmi qualcosa o addirittura tutto! Ad essere onesti ci sono troppi tra cui scegliere. Il mondo è pieno di folli mostri musicali della natura!”

Dopo aver realizzato i primi due EP e un sacco di canzoni in streaming nel suo repertorio, Harry Pane ha deciso che era giunto il momento di cambiare. Il suo ultimo lavoro, uscito l’anno scorso, “Heart’s Rhythm” è una canzone d’amore piena di passione febbrile e apprezzamento senza compromessi. È una testimonianza del potere della connessione intima e dell’importanza di relazioni forti, di un riconoscimento di coloro che contano di più nella nostra vita e di come possiamo elevarli, sostenerli e apprezzarne il significato.

Harry Pane è attivo sui suoi profili social ufficiali, oltre che sul canale YouTube sul suo sito internet https://harrypane.com/music

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Foto: facebook/harrypanemusic

TAG:
Folk Harry Pane

ultimo aggiornamento: 17-07-2020


SUPER TORMENTONE: “Bollicine” di Vasco Rossi VS “Diavolo in me” di Zucchero Sugar Fornaciari – Vota il tuo preferito

Classifiche iTunes: di Alessandra Amoroso & Boomdabash e Rocco Hunt & Ana Mena i singoli più scaricati. Lazza conquista la Top album