La raccolta firme lanciata da Coming-Aut LGBTI+ Community Center, insieme ad associazioni e collettivi LGBTI+ di tutta la Lombardia, ha raccolto in poco più di una settimana più di 2000 firme. Oltre alle 2000 firme, la legge ha ottenuto il primo importante risultato: il consigliere regionale pavese Giuseppe Villani (Partito Democratico) ha posto la sua firma sotto il pdl Nanni.

Il progetto di legge regionale contro l’omolesbobitrasfobia, che porta il nome di Iolanda Nanni, consigliera regionale e deputata prematuramente scomparsa, era stato depositato in Consiglio regionale nel dicembre 2019 a prima firma del consigliere pavese Simone Verni (M5S). Da oltre un anno si attende la calendarizzazione e la discussione.

Davide Podavini, presidente di Coming-Aut LGBTI+ Community Center, dichiara:

“Il successo che sta ottenendo la raccolta firme dimostra quanto in Lombardia sia avvertita con forza e urgenza la necessità di una legge che garantisca politiche contro le discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere e promuova la cultura dell’eguaglianza. La sottoscrizione del consigliere Villani al pdl Nanni è un passo importante, che allarga il fronte dei consiglieri e dei partiti pronti a discutere il progetto di legge”.

Podavini rinnova anche l’appello delle associazioni LGBT+ lombarde, rivolto ai membri del Consiglio Regionale, per la discussione della legge contro l’omolesbobitranfobia e invita i cittadini LGBT+ ad unirsi alla campagna e diffonderla attraverso più canali possibili.

La petizione è disponibile sul sito di All Out, associazione internazionale che si occupa di diritti LGBT+ nel mondo e che offre un portale per avviare petizioni e lanciare campagne.

Segui OA Plus su Instagram

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS


Madre, padre, figlio: la storia della famiglia Busso, sterminata dal Covid in 20 giorni

GFVip5. La regia lascia i microfoni accesi: gli inquilini ascoltano una frase choc su Tommaso Zorzi VIDEO