By Old Man Say

Sette fra discoteche, caffe concerto ed un hotel si sono dichiarate disponibili ad ospitare la prima prova pilota che la “Asociacion Ocio de Ibiza” propone per rimettere in moto, almeno in parte ed in forma limitata a livello di capienza, il divertimento diurno e notturno legato al mondo del clubbing sull’isola. La prossima settimana l’associazione incontrerà le autorità del governo insulare proponendo una capienza massima di duemila persone per evento. Le possibilità per le discoteche che non hanno spazio all’aperto sono a monte già escluse, mentre il tutto si focalizzerà sui club open-air.

Il dj Solomun in un suo set al Destino Ibiza.

 

Nei prossimi giorni pare possibile quindi che si possa selezionare la struttura (non si fanno riferimenti sulla stampa locale a nomi ben precisi dei locali ma facile intuirlo) nella quale si intenterà di far decollare questo progetto di ripartenza che comunque si annuncia non privo di difficoltà quali per esempio la vaccinazione già avvenuta per i dipendenti, la obbligatorietà dell’essere sottoposti a test pcr prima dell’evento o ad un test antigenico. Altre casistiche da definire saranno le capienze e l’utilizzo del servizio bar. Dall’ “isla blanca” parte un segnale dichiara Jose Luis Benitez, presidente dell’associazione, per far capire al mondo che stiamo cercando di ritornare, almeno in parte e con tutte le attenzioni del caso, ad essere presenti. Ancora quindi lontane le notti sfrenate, le migliaia di appassionati di musica techno ed elettronica in pista, le serate  “tutto esaurito” animate da Solomun, David Guetta o Carl Cox. La dimensione al momento, se sarà possibile, sarà più intima ma magari con  le stesse grandi star della consolle che da tanti anni hanno fatto diventare l’ isola la regina incontrastata della notte a livello mondiale.

photo credits Destino Ibiza, Ushuaia Ibiza.

———————————

Old Man Say, dee jay e music designer, inizia il suo percorso ed evoluzione musicale negli anni ’80. Tante le esperienze in club italiani quali Tino Club, Vie en Rose, Cenerentola, Harem, Indie, Plaza, Gatto e la Volpe, Menhir, Teatriz, Slap e Scimmie, per poi arrivare a Beach Club e Lounge Bar come Vistamare beach & suites, Cafe della Rotonda,  DR38, Oro Bianco. Dal 2015 vive e lavora in Ibiza ove e’ dj-resident di Jockey Club, Coco Beach, Hard Rock Hotel nelle consolle del Beach club, per i pool party nella piscina Splash e nell’esclusivo 9Ninth roof-top e di Sa Punta fine dining restaurant. Ha avuto l’occasione di essere ospitato in altre realta’ ibizenche in questi anni quali Savannah, Experimental Beach, Km5, Hotel Pacha, Sunset Ashram, Kumharas, Hotel Santos, Enigma beach club, Raco Ibiza fino alla prestigiosa consolle del Pacha‘ per il party Elements. Esperienze worldwide: Egitto al Pier 88 Cairo ed al Club 88 El GounaLe Palace, Le Salama, Smukke lounge e La Montaigne Marrakech (Marocco).Nub Lounge Amman (Giordania).Propone set di matrice deep, nomad house, downtempo e balearica.

 

 


Rubrica. FLASHLIGHT. Ibiza versus Romagna un anno dopo.

Rubrica. FLASHLIGHT. Data-pilota ad Ibiza, riparte (con cautela) la nightlife