Fedez è il primo rapper in Italia a diventare consulente finanziario, doppio ruolo che per i colleghi USA non è così raro… che sia il primo di una futura moltitudine?

Partiamo dai fatti: Fedez (al secolo Federico Leonardo Lucia) ha fondato la società DOOM – Dream Of Ordinary Madness – distaccandola dalla sua precedente società, la ZDF. La ZDF controlla tutto ciò che riguarda l’universo Fedez, dalle edizioni musicali, alle apparizioni televisive fino alle sponsorizzate con i brand d’accessori e vestiti, mentre la neonata DOOM si occuperà solo di un’attività: consulenza digitale alle banche. Questo l’estremo riassunto dei fatti, passiamo quindi all’interessante: perché una banca dovrebbe pagare un rapper come consulente?

È una domanda che apre universi, e mostra come il rap (e la trap) non siano meri stili (o stilemi) musicali né semplici fenomeni di costume… Sono avanguardie di nuovi modelli marketing e modi di pensare il rapporto investimento-realizzazione progetto, e il mondo banche-finanza non sbaglia a cercare con il t/rap un rapporto di collaborazione diretta invece che di semplice imitazione di linguaggi e utilizzo dei social.

Cosa intendiamo quando parliamo di innovazione economica del mondo t/rap che può interessare banche e finanza? Pensiamo al modello delle basi tipico della Trap: migliaia di producer che tramite un perenne scavo condotto su Youtube modificano all’infinito pezzi pre-esistenti tramite software a bassissimo costo, rivendendo il prodotto rielaborato a prezzi stracciati ai trapper, oppure rivendendoseli fra di loro (ad esempio un producer con poco nome ad uno già affermato, che a sua volta lo rivende ad un producer più grosso o ad un trapper) maggiorando ad ogni passaggio il prezzo della base.

Un mercato fondato su semplici ma non affatto scontati presupposti:

  1. Tantissimi produttori di materia prima (le basi) a costo nullo
  2. Estrema facilità di produzione e diffusione della materia prima
  3. Tantissimi compratori (i trapper) con possibilità di spesa molto limitata ma interessati ad acquistare il materiale dei producer per rifinirlo con i propri versi/barre
  4. Il valore economico praticamente nullo delle basi non viene determinato dal costo di produzione, dalla qualità musicale delle stesse o dai diritti del campionamento del pezzo originale (che non paga nessuno), ma unicamente dal nome del producer.
  5. Il valore del nome del producer è determinato da che posto occupa nel T/Rap Game nazionale e/o internazionale, posto che gli viene assegnato a seconda delle basi prodotte che hanno raggiunto il successo.
  6. Le basi hanno raggiunto il successo perché rifinite e pompate da trapper con ampia visibilità sui social (pensiamo a Charlie Charles con Sfera Ebbasta, Sick Luke con la Dark Polo Gang o Ava con Capo Plaza). Ma gli stessi trapper hanno raggiunto tale visibilità grazie alle basi dei producer, in un rapporto in cui le due entità sono simili a due aziende in partnership, dove ognuna guadagna di valore all’aumentare del valore dell’altra pur rimanendo distinte e non vincolate da alcuna esclusiva.

Questo modello sembra perfetto per innovare le proposte di banche e fondi d’investimento ai giovani, che hanno poca pecunia da investire ma sono moltissimi, e spinti dai testi t/rap sognano di fare soldi con i social, velocemente e senza legarsi ad un lavoro fisso. Sì, in poche parole stiamo dicendo proprio questo: a nostro avviso, dietro a tutta la retorica sull’innovazione e l’imprenditoria giovanile, il ruolo di Fedez sarà quello di suggerire a banche e finanza come e (in misura minore) cosa proporre ai giovanissimi per convincerli ad affidare soldi ad istituzioni sentite come vecchie e superate.

Istituzioni in crisi perenne di liquidità e quindi molto interessate ad ampliare il bacino di clienti dai quali attingere cash per far quadrare i conti o azzardare nuovi investimenti… Se letti in quest’ottica, i 6 punti descritti sopra sul mercato delle basi assumono una nuova luce: diventano pratiche giovanili diffuse da ricalcare cambiando la destinazione dei microinvestimenti dalle basi ai prodotti bancari/finanziari. Dopottutto per metà del rap e per quasi tutta la trap la musica è sempre stato un semplice mezzo, dato che il fine è arricchirsi. Farlo comprando futures invece che basi cambia qualcosa? Secondo Fedez e i suoi investitori evidentemente no.

https://www.instagram.com/p/CAYDfDTn2Io/?utm_source=ig_web_copy_link

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nosta PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS


Mei, Rubrica. #NEWMUSICTHURSDAY. Clan Zingaro, “Non dire una parola” (ANTEPRIMA VIDEO)

Johnson agli italiani: “Tutti benvenuti”, ma necessario isolamento