L’ultima recita di Bojack Horseman. Avevamo lasciato il cavallo antropomorfo più famoso del Mondo alle porte di una rehab, sulle note di “Under the pressure” dei The War on Drugs, deciso a chiedere finalmente aiuto per uscire dalla spirale di depressione e di (auto)distruzione che ne hanno caratterizzato la vita.

Un finale, quello della quinta stagione, che forse avrebbe anche potuto essere perfetto, volutamente aperto su ogni possibile sviluppo della storia. A darci le risposte su che ne sarà del personaggio di Bojack ci penserà quindi la sesta serie della fortunatissima serie Netflix creata da Raphael Bob-Waksberg in streaming a partire da oggi. Almeno per quanto concerne la prima parte, dato che la seconda e ultima è prevista in uscita il prossimo 31 gennaio.

Inutile dire che l’hype generato da questa nuova coda della storia dell’ex divo della sitcom “Horsin’ Around” precipitato poi in disgrazia sia stato enorme fra i tanti fan della serie, in un misto di attesa quasi messianica e malcelata tristezza perché, esauritosi questo ciclo di episodi, sarà definitivamente posta la parola fine all’epopea di Bojack Horseman.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

part 1 of my shows out its prettttty good if i do say so myself and i just did

Un post condiviso da BoJack Horseman (@bojackhorseman) in data:

TAG:
Bojack Horseman Netflix

ultimo aggiornamento: 25-10-2019


Cinema. “Joker” torna al cinema con Joaquin Phoenix. La maschera maledetta non finirà mai di apparire su nuovi volti

Musica, X Factor 13. Nicola Cavallaro, il perfetto conosciuto d’Oltralpe