Un film d’animazione molto forte. “Se succede qualcosa, vi voglio bene” con un disegno dal tratto apparentemente appena abbozzato e, che da l’idea di essere incompleto, in realtà è molto più che abbastanza.

Non metterò il trailer del film, perché vi invito a guardarlo o meglio, a osservarlo.

Inizia con un uomo e una donna seduti a un tavolo, vicini, ma qualcosa non va tra loro e lo si percepisce. Non si sfogano, nessuno dei due parla, solo i pensieri lo fanno sotto forma di ombre. I due genitori stanno affrontando il lutto per la perdita della figlia a causa di una sparatoria.

Si aggirano nella solitudine di una casa priva di gioia, ma piena di dolore. Accade che una palla rotolando per caso, va  ad urtare contro un giradischi e azionandolo, la musica si alza  sulle note di 1950 di King Princess, i loro ricordi di un passato  felice fanno capolino,  fino al tragico momento in cui è cambiata per sempre la loro vita.

Se succede qualcosa, vi voglio bene”, è un elogio alla forza interiore, che entra in gioco in quelle situazioni dove sembra che tutto sia impossibile da superare. 12 minuti su Netflix , guardatelo, e sarà impossibile non avere un groppo alla gola.

Will McCormack ,sceneggiatore di Toy Story 4 e Michael Govier, sono riusciti a commuovere e a far riflettere.


OA PLUS INTERNATIONAL CHART (WEEK 8/2021): restano in vetta i Weezer, sale Birdy ed entrano i Fleece

Festival di Sanremo. Ecco tutte le donne di Amadeus, da Simona Ventura ad Alessia Bonari, l’infermiera simbolo della lotta al Covid