Di Chiara Sani

Julia Roberts è entrata nel cuore di milioni di persone dal primo momento che ha illuminato lo schermo col suo sguardo da cerbiatta e il suo sorriso contagioso…

Si fece notare con la commedia romantica MYSTIC PIZZA (1988), ma nel 1990 esplose il suo successo grazie al film PRETTY WOMAN, con il quale si aggiudicò la candidatura a un Golden Globe e al premio Oscar, recitando al fianco di Richard Gere. Dopo anni di successi astronomici al botteghino, vinse un Oscar interpretando un vero e proprio capolavoro cinematografico: ERIN BROCKOVICH, confermando le sue incredibili capacità di far commuovere e anche ridere il pubblico di tutto il mondo.

Ma all’inizio della sua carriera, il suo sorriso per un periodo si spense: il successo la travolse in un vortice di pressione ed esposizione mediatica così assurda che le fu impossibile non crollare in un baratro molto pericoloso.

Poco più che ventenne, tre giorni prime delle sue nozze con il fidanzato Kiefer Sutherland (figlio di Donald Sutherland, una vera leggenda del cinema), scoprì che Kiefer le metteva le corna con una stripper e mandò all’aria il matrimonio. Julia venne subito ricoverata in ospedale per una forma acuta di influenza (che oggi sarebbe stato definito ‘un collasso nervoso’).

L’attrice in quel momento si ritrovò sulle copertine dei giornali di gossip di tutto il pianeta. Mentre attraversava il momento più buio della sua vita, i paparazzi la inseguivano e a volte la assaltavano a tutte le ore del giorno e della notte, con un accanimento ossessivo e spesso aggressivo.

Chi, a quell’età, avrebbe potuto mantenere un perfetto equilibrio in una situazione così insana? Come se non bastasse, in quel periodo Julia cominciò a girare il film HOOK di Steven Spielberg, nel ruolo di Campanellino… La famosissima fatina che doveva rappresentare sullo schermo, era la ‘vocina saggia’ e la spalla su cui Peter Pan poteva sempre contare… ma Julia era distrutta dentro e, ancora una volta, sotto i riflettori di un film complicatissimo e rischioso anche per un maestro del cinema come Spielberg:
E’ stato un momento sfortunato per noi lavorare insieme

dichiarò in seguito il regista, che ebbe non pochi problemi a gestire una star in piena crisi come Julia. Le notizie che arrivavano dal set descrivevano la presenza dell’attrice come un qualcosa di inquietante: a volte era tetra, altre volte era isterica, a volte non si presentava sul set e si chiudeva in camerino lamentandosi delle lunghe attese a cui era sottoposta, era terribilmente vulnerabile e sempre più magra.

Dopo HOOK, Julia si prese un lungo periodo di stop dal suo lavoro e dallo star system. Due anni sabbatici in cui l’attrice si riprese le sue energie, priorità ed equilibrio.

Nel frattempo, i produttori di Hollywood cercarono di rimpiazzarla, lanciando nuove attrici che potessero diventare ‘La nuova Julia Roberts’. Ci provarono con Julia Ormond con il film ‘Vento di passioni’, con Claire Forlani in ‘Vi presento Joe Black’ e (per fortuna, visto che è semplicemente favolosa!) Sandra Bullok in ‘Speed’.

Ovviamente il tentativo di ‘scaricare’ Julia e rimpiazzarla’ non funzionò, perché nessuna poteva imitare o sostituire quella luminosità più unica che rara che l’attrice possedeva, una sorta di X factor che o ce l’hai o non ce l’hai… dovuto ad una speciale telegenìa ma soprattutto ad una genuina spontaneità, una ingenua purezza e candore che permettevano alle sue interpretazioni di arrivare dritto al cuore della gente.

Julia Roberts ritornò in pista dopo due anni di silenzio, con un progetto cinematografico meraviglioso, il film di spionaggio IL RAPPORTO PELICAN, che interpretò al fianco del magistrale Denzel Washington.

Da lì in poi la sua vita riprese come la vita di una donna normale, con più maturità, più distacco dalle zone oscure del mondo dello spettacolo e con la forza di chi è riuscito a trasformare le esperienze dolorose e gli errori in una consapevolezza più solida della vita.
Oggi più che mai Julia Roberts continua a sfornare un successo cinematografico dietro l’altro e, soprattutto, è una mamma e moglie felice, che con il suo sorriso ci ricorda che LA LUMINOSITA’ VIENE DA DENTRO e che NESSUNO PUO’ TOGLIERCELA, DIPENDE SOLO DA NOI!

TAG:
Julia Roberts

ultimo aggiornamento: 01-12-2019


Cinema. LA FABBRICA DEI SOGNI di Chiara Sani. Bombshell, il film bomba del nuovo anno!

Rubrica, MEI. Frammenti di un discorso musicale di GIORDANO SANGIORGI. Una Storia da Cantare: Avanti Tutta! (con un po’ di correzioni)