Ma solo in alcune Regioni, fra le quali il Lazio. Il vaccino sarà somministrato solo alle persone fra i 18 e i 55 anni e in buona salute. La seconda dose non prima di 12 settimane

Comincia oggi, ma solo in alcune Regioni, la distribuzione del vaccino anti Covid realizzato da AstraZeneca: le prime 249mila dosi sono state consegnate dall’azienda all’Italia e tutte distribuite alle Regioni, ma solo poche di esse inizieranno oggi la somministrazione, mentre la maggior parte definirà il piano della campagna vaccinale nei prossimi giorni.

Il ministero della Salute raccomanda la somministrazione del vaccino AstraZeneca solo alle persone dai 18 ai 55 anni, in buona salute, la seconda dose dopo 12 settimane. Il vaccino AstraZeneca “è un vaccino autorizzato, efficace e sicuro – ha spiegato il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri, intervenuto ai microfoni della trasmissione ”L’Italia s’è desta’ su Radio Cusano Campus -. La dimostrazione è che l’Oms ha detto che può essere usato su tutti. Noi abbiamo messo il limite dei 55 anni, ma è un vaccino esattamente sovrapponibile agli altri, con l’unica differenza che la seconda dose è raccomandata farla 12 settimane dopo la prima”.

Fra le Regioni che cominceranno oggi la distribuzione del nuovo siero c’è il Lazio. Da questa mattina è attivo presso l’aeroporto di Fiumicino il nuovo Centro Vaccini della Regione Lazio realizzato per la prima volta in uno scalo italiano, grazie alla collaborazione di Aeroporti di Roma e della Croce Rossa Italiana, che gestirà l’inoculazione dei vaccini attraverso il suo personale sanitario. Nella prima giornata saranno somministrate 400 dosi del vaccino AstraZeneca.

 

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Crediti foto: LaPresse

TAG:
Coronavirus Covid- 19 vaccino AstraZeneca

ultimo aggiornamento: 11-02-2021


Myanmar: Ue e Usa pensano a nuove sanzioni contro i militari

Omicidio Faenza, ecco cos’ha urlato Ilenia prima di morire, spunta identikit dell’assassino