“Prima sessione di laurea in presenza quest’estate? Penso proprio di sì, la prima per lo più lo sarà, a meno che non si abbiano difficoltà a raggiungere la sede”. Lo ha detto la ministra dell’Università, Maria Cristina Messa, a Sky Tg24. Dopo un anno di stallo, con gli studenti costretti a frequentare le lezioni lontano dagli Atenei in didattica a distanza da casa, sembra dunque avvicinarsi finalmente il momento tanto atteso di un ritorno in presenza anche nelle Università italiane.

“Dobbiamo mantenere la doppia linea in presenza e non – ha spiegato Messa -. Sulla percentuale di studenti in aula (per le lezioni), dipende dalla aule, molto diverse l’una dall’altra. Nei posti più piccoli anche al 100 per cento, quelle più grandi al 30%”. Per quanto riguarda il futuro dell’Università delineato dal Recovery Plan, la ministra ha aggiunto: “La modalità mista in presenza e a distanza resterà, ma non per costrizione bensì per aspetti positivi. Si potranno accogliere anche studenti da università straniere collegati. Sarà un’università in presenza a cui si aggiunge la distanza”.

Reggio Emilia, ucciso a martellate, la moglie in fin di vita, fermato il figlio scrittore

Assembrati al bancone del bar e senza mascherine: carabinieri multano poliziotti