Una nave portacontainer blocca da alcuni giorni il canale di Suez, provocando per ogni minuto che passa perdite economiche enormi dovute alla centralità per le navi cargo del passaggio che collega Mediterraneo e Oceano indiano.

Oggi, l’ennesimo tentativo di trainare via la grande nave permettendo il passaggio è fallito, e si teme che l’istruzione possa durare settimane, bloccando una rotta fondamentale per il commercio.

Problemi di questo tipo, però, hanno sempre anche un portato positivo. NEL 2013 infatti i rapporti tra Egitto e Turchia si erano malamente interrotti, quando l’allora presidente egiziano Mohammed Morsi, esponente dei Fratelli Musulmani appoggiati dal presidente turco Erdogan fu destituito.

Ma oggi da Ankara è arrivato un invito al Cairo per intervenire e aiutare il governo egiziano a spostare la nave. “La nostra nave Nene Hatun è tra le poche al mondo capaci di compiere un’operazione del genere. Le squadre sono pronte”, ha commentato il ministro turco delle Infrastrutture e dei Trasporti, Adil Karaismailoglu “Ci siamo offerti di aiutarli. Se risponderanno positivamente, manderemo gli aiuti”,

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

foto: LaPresse
TAG:
Egitto Turchia

ultimo aggiornamento: 26-03-2021


Sindaco ordina l’apertura di un barbiere in zona rossa per il taglio dei capelli a un ragazzo autistico, quando l’umanità sconfigge il Covid

Coronavirus, mamme vaccinate durante la gravidanza: nate due bimbe con anticorpi a Padova