Il presidente francese Emmanuel Macron è in visita a Kigali, capitale del Ruanda. Presso il Memoriale del genocidio del 1994 – la famosa repressione a tappeto operata per sedare le ribellioni del Fronte Patriottico Ruandese con l’aiuto di eserciti belga e francese – Macron ha riconosciuto le responsabilità della Francia nel genocidio: “Vengo qui a riconoscere le nostre responsabilità”.

In realtà, la presa di coscienza delle responsabilità è soltanto parziale: il presidente ha infatti ammesso che la Francia “non si è resa complice” ma ha fatto “per troppo tempo prevalere il silenzio sull’esame della verità”. L’intenzione di Macron nel paese è quella di riallacciare buoni rapporti con il Ruanda, “la tappa finale della normalizzazione delle relazioni”.

Prima di visitare il memoriale, che contiene i resti di 250mila delle 800mila vittime del genocidio, Macron aveva deposto una corona di fiori nel Museo della Memoria.

“Questo percorso di riconoscimento, attraverso i nostri debiti, i nostri doni, ci offre la speranza di uscire da questa notte e di camminare nuovamente insieme. Su questo cammino – continua Macron – solo coloro che hanno attraversato la notte possono, forse, perdonare, farci il dono di perdonarci”.

Il presidente ruandese Paul Kagame in una conferenza stampa congiunta a Kigali ha definito le parole di Macron “un atto di immenso coraggio” più valoroso delle scuse.

 

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Foto: LaPresse

TAG:
Macron Ruanda

ultimo aggiornamento: 27-05-2021


Caso Regeni: 4 agenti egiziani rinviati a giudizio

Colombia, il presidente schiera l’esercito contro le proteste