Lo youtuber ReeFlay è stato dichiarato dagli psichiatri forensi “sano di mente”

Orrore in diretta, dove ReeFlay (vero nome Stanislav Reshetnikov) youtuber russo 30 enne, ha picchiato selvaggiamente la propria fidanzata 28enne Valentina Grigoryeva e mentre era in fin di vita, l’ha chiusa fuori dalla porta di casa nuda.

L’accaduto è reso ancora più agghiacciante dal fatto che lo yotuber sia stato pagato dagli osservatori per infliggerle violenza verbale e fisica nella sessione di streaming in cui si è consumato l’omicidio.

Secondo quanto riporta il Sun, la causa della morte di Valentina sono state le ferite inflitte alla testa. Un trauma craniocerebrale e lividi multipli sul viso ed emorragie dei tessuti molli. Quando ReeFlay ha riaperto la porta alla ragazza per farla rientrare, l’ha trovata esanime e si è prodigato in inutili tentativi di rianimarla: “Valentina, come sei pallida, sei morta“, ha detto lo youtuber alla ragazza sempre in diretta.

Uno spettatore ha chiamato il servizio di emergenza. ReeFlay ha ammesso in tribunale di averla picchiata ed è stato condannato a 6 anni di carcere per “inflizione intenzionale di lesioni personali gravi, pericolose per la vita umana, commesse con l’uso di un oggetto usato come arma, con conseguente morte per negligenza della vittima“.

Segui OA PLUS su INSTAGRAM

Metti “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Crediti Foto: screenshot da video YouTube

 


Venezia, domani riapre lo storico Caffè Quadri in piazza San Marco

Vaccino anti Covid, il commissario Figliuolo: “Per metà luglio saremo al 60% dell’immunità di gregge”