Restano gravi le condizioni di Aurora, la bambina di 2 anni ferita dal padre con un colpo di pistola alla testa. La piccola, unica superstite della strage familiare che si è consumata all’alba di ieri a Carignano, nel Torinese, in cui sono morti la madre, il fratellino gemello e il padre suicida, si trova ricoverata in coma nel reparto di rianimazione dell’ospedale Regina Margherita di Torino.

Il padre della bambina, Alberto Accastello, operaio di 40 anni, ha sparato alla moglie, Barbara Gargano, 38 anni, ai due figli e al cane, poi si è suicidato. La donna è morta sul colpo, il bambino durante il trasporto in ospedale. Dalle ricostruzioni dei carabinieri, come riporta l’agenzia  Ansa, è emerso che la moglie voleva la separazione. Resta da capire il movente di un gesto così terribile da parte dell’uomo.

Segui OA Plus su Instagram

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

Crediti foto: La Presse


Allarme contagi, adesso un sindaco minaccia di chiudere parchi pubblici e spiagge

Conte ha fissato la dead-line per chiudere tutta l’Italia: lockdown totale dal 15 novembre se non si abbassa la curva dei contagi