Il corpo era in avanzato stato di decomposizione, da capire dove il delitto è stato commesso e dove il borsone è stato gettato in acqua prima di raggiungere l’alveo del Po

E’ stato scoperto in Polesine nell’alveo del Po all’altezza del Parco della Rotta e di via Malcantone, a Santa Maria Maddalena, il corpo di una donna fatta a pezzi, e rinchiusa in un borsone.

L’eccezionale siccità di questi giorni ha fatto sì che il borsone emergesse, portando alla luce un delitto orrendo.

Il rinvenimento è avvenuto lunedì 4 aprile, e a scoprire il borsone è stato un operaio  che si trovava in zona per manutenzioni, come riporta La Voce di Rovigo.

Dentro il borsone, l’orrenda scoperta: il tronco di un cadavere  in avanzato stato di decomposizione, verosimilmente di una donna. Si tratta dunque di un omicidio, ma sarà difficilissimo capire dove effettivamente sia stato commesso, e dove soprattutto il borsone sia stato lanciato in acqua, arrivando fino all’alveo del Po a Santa Maria Maddalena, nel rodigino.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Foto: shutterstock


Parlano i resti umani trovati a Maranello e anche una testimone: “Spina dorsale tranciata di netto”

La Pupa e il Secchione Show, scoppia il Covid in villa. Brutta tegola per Barbara D’Urso. Questa sera Alex Belli sarà “Pupo per una notte”