A inchiodare i due anziani sono state intercettazioni telefoniche, pedinamenti e poi perquisizioni

Una vicenda davvero orrenda quella scoperta a Cosenza al culmine di un’indagine della procura di Catanzaro avviata dalla polizia di Paola.

Una nonna accompagnava le nipotine dall’uomo che le violentava. Dopo aver scoperto gli abusi la nonna 73enne, anziché denunciare l’uomo avrebbe messo in atto una tentata estorsione, chiedendo all’anziano pedofilo anche lui 73enne di versare soldi in cambio del silenzio e del sesso con le bambine.

Vittime e parte lesa sono le due sorelle minorenni, con una delle due che a settembre 2020 aveva cercato di uccidersi alla stazione ferroviaria schiacciata dalla vergogna delle “voci di paese” sul suo conto in merito a rapporti sessuali con anziani del posto

Gli abusi, come riporta il sito notizie.it, erano pagati con piccoli regali, somme di denaro, sigarette, vestiti e generi alimentari di prima necessità. Ad inchiodare i due anziani, nonna e orco, una serie di intercettazioni telefoniche, pedinamenti e poi perquisizioni.

Segui OA Plus su Instagram

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

TAG:
Cosenza estorsione nipotine nonna orco pedofilo violentate

ultimo aggiornamento: 18-05-2021


Nuovo Decreto Covid, ecco il calendario delle riaperture

Eurovision Song Contest, stasera la prima semifinale: quando e dove seguire l’evento