Daniela Poggiali, l’ex infermiera dell’ospedale di Lugo (RA), è stata assolta dall’accusa di aver assassinato due anziani pazienti del nosocomio romagnolo. Per la donna, che si trovava nel carcere a Forlì da dieci mesi, ieri è arrivata l’attesa sentenza del processo d’appello a suo carico che si è concluso con una doppia assoluzione.

“Mi sento bene, sono stata nella mia famiglia. Mi sto riappropriando pian piano della mia libertà e di quel sapore incredibile che ha la libertà dopo più di dieci mesi chiusa in un carcere” ha dichiarato Poggiali all’Ansa descrivendo le sue prime ore fuori dalla cella del penitenziario in cui era rinchiusa dalla vigilia di Natale dello scorso anno.

Questa è la sesta sentenza per Daniela Poggiali, che era stata condannata inizialmente all’ergastolo per la morte di Rosa Calderoni, 78enne deceduta l’8 aprile del 2014 e a 30 anni per quella del 94enne Massimo Montanari, ex datore di lavoro del compagno, deceduto il 12 marzo 2014. Nel primo caso la condanna era stata due volte ribaltata da assoluzioni in appello, poi annullate da altrettante sentenze in Cassazioni. L’accusa aveva chiesto di confermare le condanne ma per la Cassazione il fatto non sussiste.

 

Foto da Facebook

 

“Adesso voglio pensare un po’ a me stessa, godermi la mia famiglia. Poi mi piacerebbe, un domani, tornare a fare il mio lavoro. La speranza è sempre quella”, ha spiegato l’ex infermiera, aggiungendo: “Questa vicenda mi ha portato del dolore, ma non mi ha tolto la convinzione che io sia una brava infermiera e che possa fare di nuovo il mio lavoro, come facevo prima”. Una prospettiva che però si scontra con la radiazione dal suo incarico decisa suo tempo dall’ospedale non per le morti ma per la vicenda della foto choc in cui si mostrava col pollice alzato e sorridente con una paziente 102enne deceduta. “Le foto del cadavere un’iniziativa di una collega” si era difesa Poggiali.

 

 

 

 

 

 Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Crediti Foto: LaPresse

 

 

 

 

TAG:
Daniela Poggiali Lugo morti in corsia

ultimo aggiornamento: 27-10-2021


Venezia, spara ad una lepre, ma colpisce papà con neonato in braccio nel giardino di casa

Festini a Bologna, le serate di sesso e droga non si fermano nonostante l’inchiesta. Una ragazza: “Ecco cosa succede alla feste”