La vicenda risale al 16 agosto 2019, quando Annamaria Sorrentino, splendida miss campana in villeggiatura con il marito e una coppia di amici, finì giù dal balcone della casa che il gruppo condivideva per una periodo di vacanza a  Parghelia (Vibo Valentia).

Il mistero non è mai stato sin qui risolto: Annamaria si lanciò deliberatamente nel vuoto o qualcuno la spinse giù dopo una lite? Ebbene, secondo la famiglia e i suoi legali una svolta potrebbe arrivare dal cellulare della ragazza, ed in particolare dall’analisi dei social.

“A un anno dalla morte di mia sorella, abbiamo notato che qualcuno, con una frequenza giornaliera, si introduceva nel suo profilo Facebook. Lo si capiva dal fatto che accanto all’immagine di Annamaria si accendeva una luce verde. Chi usa Facebook sa che quello è il segnale che la persona in fotografia è collegata. Ma chi era a collegarsi con il profilo di mia sorella?, ha rivelato al settimanale Giallo la sorella Luisa.

Al momento per la morte della 29enne restano indagati il marito Paolo Foresta e Gaetano Ciccarelli, amico della coppia e presente in casa al momento dei fatti. L’ipotesi di reato contestata ad entrambi è quella di omicidio preterintenzionale.

Ora capire attraverso un’accurata analisi chi e perché spiava le attività social della giovane Miss potrebbe aprire un nuovo scenario.

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Foto: facebook.com/lamissAnnamariaSorrentino

TAG:
Annamaria Sorrentino caduta dal balcone Giallo Miss tragedia

ultimo aggiornamento: 05-01-2021


Infermiera di 41 anni muore 2 giorni dopo aver fatto il vaccino anti Covid, il padre: “Non aveva patologie”

Frana investe un albergo trentino, torna l’incubo di Rigopiano: soccorritori in arrivo in questi minuti