E’ mistero in Abruzzo per la morte di Manuel Di Nicola, il 33enne scomparso lo scorso 7 marzo da San Benedetto dei Marsi, in Abruzzo, e ritrovato senza vita una settimana dopo in uno dei canali di irrigazione della piana del Fucino, nel cuore della Marsica.

Dai primi esami effettuati sulla vittima non è stata trovata acqua nei polmoni dell’uomo, il che apre all’ipotesi dell’ omicidio colposo, con la Procura che ha aperto un fascicolo contro ignoti.

Ad infittire il giallo c’è una scomparsa nella scomparsa. L’uomo, infatti, aveva festeggiato da poco il battesimo del figlio di soli 9 mesi, e in tasca aveva 700 euro frutto dei regali ricevuti in occasione della festa del piccolo. Soldi che però

Il battesimo del figlio e i 700 euro scomparsi non sono stati ritrovati dai carabinieri nei pantaloni del 33enne né nella sua auto, ritrovata invece pochi giorni dopo la scomparsa dai carabinieri, a circa un chilometro dal luogo dove poi è stato rinvenuto il suo cadavere.

L’uomo non aveva con sé neppure il cellulare, ed era uscito alle 20.30 dopo la giornata coi suoceri anche senza  giubbotto. Tra le ipotesi quella di un incontro poi rivelatosi fatale.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Crediti foto: LaPresse

TAG:
Abruzzo battesimo Manuel Di Nicola omicidio

ultimo aggiornamento: 05-04-2021


L’arena di Verona riaprirà con il doppio degli spettatori dell’anno scorso: definito il protocollo

Denise Pipitone, domani l’avvocato di Piera Maggio incontra Olesja Rostova. La mamma: “Basta con questo gioco mediatico, voglio subito la verità”