Nel delitto di Bolzano emergono nuovi dettagli: la mamma di Benno non ha reagito all’aggressione improvvisa e inaspettata

L’autopsia ha ricostruito gli ultimi istanti di vita di Laura Perselli, moglie di Peter e mamma dell’unico indagato per l’omicidio, il figlio Benno.

Secondo quanto confermato da Ansa, Laura non ha avuto il tempo di reagire e ribellarsi al suo assassino, strangolata dunque in pochissimi istanti e in circostanze del tutto inattese, forse, o almeno questo è il convincimento degli inquirenti, proprio perché assieme a lei c’era il figlio Benno.

Se nei primi esami autoptici di sabato è stata accertata come causa di morte l’asfissia da strangolamento per mezzo di una corda, ora è emerso questo dettaglio non trascurabile, ovvero nessun segno riconducibile ad un tentativo di difesa sul corpo della donna.

In questi giorni il genetista Emiliano Giardina sta eseguendo le analisi su decine di reperti sequestrati nella casa di via Castel Roncolo, tra cui anche una corda da arrampicata di proprietà di Benno. Potrebbe essere la corda del delitto? Intanto sono state per ora sospese le ricerche del cadavere di Peter Neumair nel fiume Adige, anche se non ci sono dubbi sulla sorte dell’uomo.

Segui OA Plus su Instagram

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

TAG:
Benno Neumair Laura Perselli

ultimo aggiornamento: 17-02-2021


GFVip5. Samantha De Grenet a rischio squalifica: “Sembri autistico” VIDEO

Festival di Sanremo. Ecco i nomi degli autori delle canzoni in gara