L’episodio è avvenuto ad Acate, nel ragusano. Il responsabile Oipa: “Degrado sociale e mancanza di cultura”

La vicenda è shock, ma la dichiarazione della zia di uno dei bambini facente parte del gruppetto che ha tagliato le orecchie a un cane randagio è se possibile ancora più sconvolgente.

“Mio nipote non voleva uccidere il cane. Essendo un bambino, pensava di farlo più bello”.

E’ quanto riportato da TgCom24, relativamente all’episodio avvenuto nel ragusano dove un gruppetto di bambini tra i 9 e i 10 anni di Acate ha catturato un randagio e lo ha mutilato, tagliandogli appunto le orecchie.

Il commento della zia sui social è stato subito sommerso da un’ondata di indignazione popolare, tanto che la donna poi ha dovuto cancellare il post.

Al Messaggero il responsabile Oipa di Ragusa Riccardo Zingaro ha dichiarato che “quanto tristemente accaduto al povero cucciolo evidenzia un certo degrado sociale e quella mancanza di cultura che, ancora presenti in molti territori dove la presenza delle istituzioni talvolta latita, possono sfociare in episodi come questo”.

Segui OA PLUS su INSTAGRAM

Metti “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Crediti foto: facebook

TAG:
Acate Oipa randagio mutilato taglio delle orecchie

ultimo aggiornamento: 21-04-2021


Che cos’è OnlyFans e come sopravvivono le modelle di nudo

Nuovo Decreto Covid, dal 26 aprile l’Italia riparte: tornano le zone gialle, riaprono le attività all’aperto, ma il coprifuoco resta alle 22