Dal 26 aprile tornano le zone gialle, con la ripresa di molte attività all’aperto e il rientro a scuola della maggior parte degli studenti. Ma non sarà certo un “liberi tutti”, e il governo dovrebbe mantenere il coprifuoco alle 22, nonostante la Conferenza delle Regioni abbia proposto di spostarlo alle 23. Questo, in sintesi, quanto prevede il nuovo decreto Covid atteso al Consiglio dei ministri convocato, a quanto si apprende, oggi alle 17 per l’esame congiunto delle nuove misure decise in vista della graduale ripresa delle attività economiche e sociali nel nostro Paese. Decreto che sarà valido dal 26 aprile al 31 luglio.

Proprio sul coprifuoco il governo non intende fare marcia indietro e come deciso dalla Cabina di regia di venerdì scorso, rimane alle 22. Sul fronte scuola, l’intenzione dell’esecutivo è quella di far tornare gli studenti in presenza al 100%.  “Intendiamo porre il tema in Cdm e, come sempre, troveremo una soluzione di equilibrio – ha detto a Studio 24 il ministro delle Politiche agricole e alimentari, Stefano Patuanelli -. Anche se le Regioni chiedono limiti per motivi di trasporti, come M5S riteniamo di dover garantire agli studenti delle superiori per questi ultimi 100 giorni di scuola lezioni in presenza”.

 

Segui OA PLUS su INSTAGRAM

Metti “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Foto: LaPresse

TAG:
coprifuoco decreto Covid riapertura Scuola Stefano Patuanelli

ultimo aggiornamento: 21-04-2021


Bambini di 9 e 10 anni tagliano le orecchie a un cucciolo di cane randagio, mutilandolo. La zia: “Volevano farlo più bello”

Ciro Grillo apre i social per condividere il video del padre: una pioggia di insulti lo travolge