C’è chi ha il terrore dei medici, delle punture e dei tamponi, ma c’è chi dietro ogni piccolo dolore riesce a provare una forma di piacere e a quanto pare, anche i tamponi anti-Covid, hanno generato una sorta di feticismo dal quale alcune persone non riescono più ad uscire.

A testimoniare ciò, esistono su YouTube dei video ASMR, dedicati proprio ai tamponi nasali per il Covid. Giovani ragazze nascoste dietro la mascherina, ti fissano con i loro occhioni e ti sussurrano ‘all’orecchio’ mentre fingono di farti un tampone nasale. L’intimità creata da questi video, ha fatto sì che in poco tempo avessero uno spropositato seguito.

Forse il Covid con la sua privazione dei contatti umani, ha fatto sì che la gente si riversasse nei video ASMR, utilizzati in genere per rilassarsi e per simulare qualche forma di contatto umano. E allora perché non crearli a tema con quel virus che ci ha rubato il contatto col mondo esterno?

Ampio spazio dunque nel mondo virtuale ai tamponi nasali e alla paura, l’attesa, la rassicurazione che belle finte dottoresse sanno dare.

Del resto, come evidenziato dal sito Rolling Stone, una certa correlazione del naso con gli organi sessuali c’era già da tempo: “Il termine ‘nussy’, derivante da una fusione tra “nose” (“naso”) e “pussy” (“vagina”), che rimanda a “bussy”, un termine usato nel mondo LGBT per riferirsi all’ano, è nato prima della pandemia. La primissima occorrenza è uno shitpost su Twitter del 2018: “invece di dire ‘infilarsi le dita del naso’, perché non dire ‘masturbarsi la nussy’”.

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Crediti foto: LaPresse

TAG:
ASMR Coronavirus covid feticisti tamponi

ultimo aggiornamento: 03-01-2021


E’ finita tra Zaniolo e la Ghenea. La modella su Instagram: “Un incontro casuale non esprime un fidanzamento e non nasconde altro”

Covid, regole dal 4 al 6 gennaio, ecco come ci si potrà muovere da domani