Avverrà venerdì 29 gennaio il prossimo monitoraggio che consentirà poi di stabilire i cambi di colore delle varie regioni, cambi che entreranno in vigore domenica 31 gennaio.

Considerando la regola delle due settimane di obbligatoria permanenza in una stessa fascia di colore, questo è il quadro possibile: Emilia Romagna, Veneto e Calabria possono passare in zona gialla proprio da domenica essendo entrate in arancione già l’11 gennaio.

Se gli ultimi rilevamenti confermassero i dati attuali, stessa sorte potrebbe spettare anche a Friuli Venezia Giulia, Abruzzo, Lazio, Liguria, Marche, Piemonte, Puglia, Umbria, Val d’Aosta, che in zona arancione sono entrate da domenica 17.

Sperano anche la Sicilia e la Provincia autonoma di Bolzano, che dal 17 gennaio scorso sono in zona rossa e auspicano un passaggio in zona arancione che i numeri attuali confermerebbero.

In ultimo, un discorso a parte riguarda la Lombardia che il 17 gennaio era entrata in zona rossa ma da oggi è in zona arancione per via del pasticcio sulla trasmissione dei dati. Con la ‘retroattività’ dell’arancione al 17 gennaio, la regione guidata da Fontana potrebbe, rilevamenti permettendo, trovarsi in zona gialla già da domenica, facendo un balzo di due zone in pochi giorni.

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Crediti foto: LaPresse

TAG:
Regioni zone Coronavirus

ultimo aggiornamento: 27-01-2021


Zlatan Ibrahimovic a rischio Festival? Sui social impazza l’hashatag #ibranograzie

Arrestato Andrea Cavalleri, il suprematista di Savona che voleva uccidere ebrei, neri e donne