E’ sceso del 24% in 24 ore il tasso di occupazione dei reparti di area medica da parte di pazienti con Covid-19 in Italia ed è in calo in 6 Regioni e province autonome: Campania (al 27%), Lazio (29%), PA Bolzano (21%), PA Trento (24%), Sardegna (25%) e Veneto (16%). Cresce invece in 5 Regioni: Emilia Romagna (al 24%), Liguria (33%), Marche (30%), Sicilia (35%), Umbria (31%). Questi i dati dell’Agenzia Nazionale dei servizi sanitari regionali (Agenas) del 14 febbraio.

Il tasso è stabile in Abruzzo (36%), Basilicata (27%), Calabria (31%), Friuli Venezia Giulia (31%), Lombardia (18%), Molise (24%), Piemonte (24%), Puglia (25%), Toscana (22%), Valle d’Aosta (25%).

Resta stabile al 12%, invece, la percentuale di posti letto occupati in terapia intensiva da pazienti con Covid-19 in Italia, ma cresce in 7 regioni: Abruzzo (al 14%), Pa Bolzano (8%), Puglia (13%), Sardegna (15%), Sicilia(14%), Toscana (15%), Umbria (9%). Il tasso cala in 5 regioni: Emilia Romagna (al 13%), Liguria (11%), Marche (16%), Molise (13%), Piemonte (12%). E’ stabile, invece, in Basilicata (al 6%), Calabria (15%), Campania (9%), Friuli Venezia Giulia (19%), Lazio (19%), Lombardia (9%), PA Trento (16%), Val d’Aosta (12%), Veneto (8%).

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Crediti foto: LaPresse

 

 

 


Emergenza Covid, stop alle mascherine all’aperto dall’11 febbraio

Operato a Bologna bimbo i cui genitori volevano sangue ‘no vax’