Prima la bufera a seguito delle parole sulla presunta non efficacia del vaccino contro il Covid-19. Quindi, dopo un primo tentativo di correzione di rotta, Diana Del Bufalo è stata costretta a fare pubblica ammenda e chiedere scusa per quanto affermato nei giorni scorsi.

Per la precisione, lo scorso 30 dicembre, quando durante una diretta Instagram l’attrice romana si era sfogata con termini non proprio lusinghieri sull’utilità del siero anti covid. Naturalmente l’infelice affermazione le era costata un fiume di critiche, al punto che la stessa Diana Del Bufalo ha poi provato a spiegare che la sua scelta di non sottoporsi al vaccino sia dettata dal consiglio del proprio medico a causa dei problemi al cuore, seppur di piccola entità, di cui soffre l’attrice.

Nella giornata di ieri, infine, le vere e proprie scuse, arrivate sempre attraverso i propri canali social: «Mi trovo a scrivere queste poche righe perché sono profondamente dispiaciuta se molti di voi si sono sentiti offesi dalle mie parole. Non era mia intenzione generalizzare sulle vaccinazioni, tema su cui peraltro non ho nessuna competenza scientifica. Il mio sfogo, forse per molti fuori luogo, riguarda solo il mio sentire il peso di questa situazione. Ci tengo a specificare che nel mio piccolo mi sono sempre attenuta alle regole, facendo almeno 3 tamponi a settimana tra rapidi e molecolari per poter lavorare nel pieno rispetto di tutte le regole di sicurezza e per non mettere in pericolo colleghi, amici, parenti e me stessa. Farò sempre quanto in mio potere per essere una persona responsabile. Colgo l’occasione per augurare a tutti buon 2022».

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Crediti foto: SHUTTERSTOCK


Paralisi del sonno, ecco cos’è il terrificante sintomo segnalato dai malati di Covid, variante Omicron

Vaccino obbligatorio per gli over 50, super Green Pass per chi lavora sia nel pubblico che nel privato: ecco punto per punto il nuovo decreto Covid